Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Giudice di Pace Roma - Sez. VIII - Sentenza del 01/07/2004
Sanzione nulla senza l'annotazione delle eventuali dichiarazioni del trasgressore

Sanzione nulla senza l'annotazione delle eventuali dichiarazioni del trasgressore

Giudice di Pace Roma - Sez. VIII - Sentenza del 01/07/2004

 

 

REPUBBLICA ITALIANA

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI ROMA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Giudice di Pace dr. Carlo Venditti sez. 8°

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nella causa iscritta al N.° 51047 R.G. contenzioso dell’anno 2003

TRA

****, domiciliato in ****, presso l’avv. **** che lo rappresenta con mandato

OPPONENTE

E

UFFICIO TERRITORIALE GOVERNO DI ROMA

elettivamente domiciliato in Roma, Via Ostiense n.131/L

OPPOSTO CONTUMACE

OGGETTO: Opposizione sanzione amministrativa

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso depositato a norma e nei termini di cui all’art. 23 Legge 689/81, il ricorrente, di cui alla intestazione, ha proposto opposizione avverso il verbale di accertamento di violazione del 5 maggio 2003 redatto dalla Polstrada – Reparto Volanti – n° inesistente.

Ne ha dedotto la illegittimità, perché:

·         verbale privo di numero del registro cronologico;

·         mancata difesa in sede di contestazione immediata, non essendo stato consentito all’opposto di dichiarare gli elementi a sua difesa, come emerge dalla mancata dichiarazione a suo pugno, non firmata.

 

Ad istruttoria espletata la causa è stata decisa come da dispositivo.

 

MOTIVI DELLA DECISIONE

L’opposizione è fondata e conseguentemente va accolta ed annullato il provvedimento impugnato, atteso che vanno condivise e fatte proprie da questo giudicante le argomentazioni, di cui al ricorso, documentalmente provate.

L' accertamento è avvenuto con osservazione di veicoli in movimento, sia soggettivamente che oggettivamente, con la conseguenza che è mancata la valutazione dell' eventuale errore di percezione, né altrimenti rettificata, non essendoci stata la immediata difesa del conducente del veicolo.

La spese sono assenti.

PER QUESTI MOTIVI

 

Il Giudice di Pace di Roma, definitivamente pronunciando, in accoglimento della domanda proposta da

****

nei confronti dell’Ufficio Territoriale del Governo di Roma – Prefettura

ACCOGLIE

il ricorso avverso il verbale di accertamento di violazione del 5 maggio 2003 redatto dalla Polstrada – Reparto Volanti – n° inesistente

ANNULLA

il provvedimento impugnato.

Non c’è spesa, perché compensata.

Così deciso in Roma il giorno uno del mese di luglio dell’anno 2004.

IL GIUDICE DI PACE
Dott. Carlo Venditti