Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

TAR Emilia Romagna – Bologna – Sez. I – Sentenza n. 4471 del 30/12/2004
Patente a punti: decurtazione errata va rettificata dall'organo accertatore

Patente a punti: decurtazione errata va rettificata dall'organo accertatore

TAR Emilia Romagna – Bologna – Sez. I – Sentenza n. 4471 del 30/12/2004

 

 

REPUBBLICA  ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

 

IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE

PER L' EMILIA-ROMAGNA

BOLOGNA

SEZIONE I

 

 

nelle persone dei Signori:

 

BARTOLOMEO PERRICONE                                Presidente 

ALBERTO PASI                                               Consigliere

CARLO TESTORI                                             Consigliere relatore

 

ha pronunciato la seguente

 

SENTENZA

ex art. 9 legge n.205/2000

 

nella Camera di Consiglio  del 16 dicembre 2004

 

Visto il ricorso 1091/2004  proposto da:

****

 

rappresentata e difesa da:

****

con domicilio eletto in ****

 

contro

 

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 

rappresentato e difeso da:

AVVOCATURA DELLO STATO 

con domicilio eletto in BOLOGNA

VIA RENI 4

presso la sua sede

 

 

MIN. INFR.RE - DIP.TO TRASPORTI TERRESTRI

ANAGRAFE  NAZIONALE ABILITATI ALLA GUIDA  

rappresentato e difeso da:

AVVOCATURA DELLO STATO 

con domicilio eletto in BOLOGNA

VIA RENI 4

presso la sua sede

 

 

MIN. INFR. E TRASPORTI  - DIR GEN. MOTORIZZAZIONE

UFFICIO PROV. FORLI’ 

rappresentato e difeso da:

AVVOCATURA DELLO STATO 

con domicilio eletto in BOLOGNA

VIA RENI 4

presso la sua sede,

 

per l'annullamento, previa sospensione dell'esecuzione, del provvedimento prot. N.39/04 del 28.4.2004 del Direttore dell’Ufficio Provinciale di Forlì del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, notificato a mezzo del servizio postale in data 29.4.2004, con il quale  si è disposta la revisione della patente di guida della ricorrente;

della comunicazione  del 26.4.2004 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti fatta pervenire alla ricorrente successivamente al provvedimento  prot. N.39/04 del 28.4.2004;

nonché di ogni altro atto connesso, presupposto e/o consequenziale;

 

Visti gli atti e i documenti depositati con il ricorso;

Vista la domanda di sospensione della esecuzione dei provvedimenti impugnati, presentata in via incidentale dalla ricorrente;

Visto l'atto di costituzione in giudizio di:

 

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

 

Udito il relatore Cons. Carlo Testori;

Uditi, altresì, l’Avv. **** e l’Avv. dello Stato ****, anche in relazione all’applicazione dell’art. 9 della legge n. 205/2000;

 

Ritenuti sussistenti i presupposti per la definizione del ricorso con sentenza succintamente motivata, a norma dell’art. 26 della legge n. 1034/1971, come modificato dall’art. 9 della legge n. 205/2000;

Premesso che la ricorrente ha impugnato gli atti indicati in epigrafe, censurandone l'illegittimità sotto diversi profili ed evidenziando, in particolare, che la revisione della patente di guida è stata disposta sulla base dell'erroneo presupposto che la predetta avrebbe esaurito i venti punti a sua disposizione;

Vista la nota depositata il 14 dicembre 2004 con cui il difensore della ricorrente:

- segnala e documenta che nell'Anagrafe nazionale degli abilitati alla guida è stata riportata la corretta annotazione relativa alla decurtazione di soli dieci punti a carico dell'interessata;

- chiede che sia conseguentemente dichiarata la cessazione della materia del contendere nel ricorso in epigrafe, con compensazione di spese tra le parti;

Ritenuto che le suindicate circostanze concretano i presupposti per definire il giudizio nel senso richiesto da parte ricorrente;

 

P.Q.M.

 

Il Tribunale Amministrativo per l’Emilia-Romagna, Sezione I, dichiara cessata la materia del contendere nel giudizio sul ricorso in epigrafe.

Spese compensate.

BOLOGNA , li 16 dicembre 2004

 

Presidente F.to Bartolomeo Perricone

Consigliere rel.est. F.to Carlo Testori

Depositata in Segreteria in data 30/12/2004

Bologna, li 30/12/2004

                                      Il Segretario

                                      F.to Silvia Lazzarini