Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Decreto Legge 31-01-2005 n.7
Disposizioni urgenti per....mobilità pubblici dipendenti....

Il Decreto Legge n. 7 pubblicato in G.U. il 31 gennaio 2005 contiene indicazioni a regolamentazione della mobilità esterna dei pubblici dipendenti, tra amministrazioni pubbliche e tra queste e il settore privato.

Precisamente, nell’articolo n. 5, denominato “Interventi per la mobilita' dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni”, si dispone che le P.A. potranno contrattare i distacchi temporanei di personale al loro interno in base a specifici protocolli d’intesa, con i quali si regolano sia le funzioni, sia le modalità d’inserimento del personale. I protocolli, inoltre, definiranno quale amministrazione dovrà sostenere l’ impegno economico.
La norma regola per la prima volta i distacchi temporanei.
Sono interessati anche le Regioni e gli Enti locali, nonché gli Enti pubblici non economici, mentre sono escluse le Authorities e gli organi costituzionali.

 

 

DECRETO-LEGGE 31 gennaio 2005, n.7

 

Disposizioni urgenti per l'universita' e la ricerca, per i beni e le attivita' culturali, per il completamento di grandi opere strategiche, per la mobilita' dei pubblici dipendenti, nonche' per semplificare gli adempimenti relativi a imposte di bollo e tasse di concessione. (GU n. 24 del 31-1-2005)

 

testo in vigore dal: 31-1-2005
 
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
 
  Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;
  Considerata  la  necessita' ed urgenza di attuare la programmazione
del  fabbisogno  di  personale  per le Universita' e di assicurare il
dovuto  sostegno  alla  ricerca ed alla tutela e promozione di beni e
attivita' culturali;
  Considerata  altresi'  la  necessita'  e  l'urgenza di garantire la
tempestiva  esecuzione  di  opere  strategiche  affidate  ad appositi
commissari straordinari, di conseguire una piu' ampia mobilita' per i
pubblici dipendenti, nonche' di semplificare gli adempimenti relativi
al versamento delle imposte di bollo e delle tasse di concessione;
  Vista  la  deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 21 gennaio 2005;
  Sulla  proposta  del  Presidente  del  Consiglio  dei Ministri, del
Ministro  dell'istruzione,  dell'universita'  e  della  ricerca,  del
Ministro  per  i  beni  e  le attivita' culturali, del Ministro delle
infrastrutture  e  dei trasporti e del Ministro dell'economia e delle
finanze,  di  concerto  con  il Ministro del lavoro e delle politiche
sociali e con il Ministro per la funzione pubblica;
 
Emana
 
il seguente decreto-legge:
 
arttt. 1-2-3-4 omissis
  Art. 5.
Interventi   per   la   mobilita'   dei  dipendenti  delle  pubbliche amministrazioni
   1. Il comma 7 dell'articolo 23-bis del decreto legislativo 30 marzo
2001, n. 165, e successive modificazioni, e' sostituito dal seguente:
 
    «7.  Sulla base di appositi protocolli di intesa tra le parti, le
amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2, possono disporre, per
singoli progetti di interesse specifico dell'amministrazione e con il
consenso  dell'interessato,  l'assegnazione  temporanea  di personale
presso   altre   pubbliche   amministrazioni  o  imprese  private.  I
protocolli  disciplinano  le  funzioni,  le modalita' di inserimento,
l'onere  per  la  corresponsione del trattamento economico da porre a
carico   delle   imprese   destinatarie.  Nel  caso  di  assegnazione
temporanea  presso  imprese  private  i  predetti  protocolli possono
prevedere  l'eventuale  attribuzione  di  un compenso aggiuntivo, con
oneri a carico delle imprese medesime.».