Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Il vile attentato terroristico di Torino
La solidarietà del Si.A.Po.L. ai Colleghi

Al Sig. Sindaco

del Comune di Torino

 

Al Sig. Comandante Corpo Polizia Municipale

di TORINO

 

Alle Lavoratrici e Lavoratori

del Corpo Polizia Municipale di TORINO


Milano, 24 maggio 2005

 

 

Il Si.A.Po.L. esprime sincera solidarietà, a tutti gli appartenenti al Corpo della Polizia Municipale di Torino, per il vile attentato terroristico avvenuto questa mattina.

 

        Un atto ingiustificabile con il quale si è inteso colpire dei lavoratori che, quotidianamente, danno il loro contributo alla serena convivenza ed al rispetto delle regole del vivere civile nelle nostre città.

 

        Lavoratori che spesso sono poco stimati e considerati, da taluni, solo degli impiegati comunali in divisa che si occupano esclusivamente dei divieti di sosta o delle altre infrazioni al codice della strada.

 

        Troppo spesso viene dimenticato il loro ruolo, unico ed insostituibile,  esercitato a diretto contatto con i cittadini e teso ad offrire un consistente contributo al mantenimento della legalità.

 

        Questo esecrabile fatto speriamo faccia riflettere i rappresentanti delle Istituzioni, al fine di affrontare positivamente le sacrosante richieste di tutta la Categoria che, da anni, chiede una normativa chiara sul proprio ruolo professionale ed un contratto specifico. 

 

Esprimiamo i migliori auguri di pronta guarigione agli agenti rimasti feriti.

 

 

                                                                         Il Segretario Generale

                             Ernesto Cassinelli

                             (firmato in originale)