Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

L'agguato di Collegno
La solidarietà del SiAPoL alla collega ferita

Al Sig. Sindaco

del Comune di COLLEGNO (TO)

 

Al Sig. Comandante Polizia Municipale

COLLEGNO (TO)

 

Alle Lavoratrici e Lavoratori

del Corpo Polizia Municipale di COLLEGNO (TO)



Milano, 7 luglio 2005

Il Si.A.Po.L. esprime sincera solidarietà alla collega Marina Gasparotto, della Polizia Municipale di Collegno, ferita vilmente  durante l’espletamento del suo servizio nella giornata del 6 luglio 2005.

         Purtroppo simili episodi (ferimenti, attentati, imboscate, appostamenti, minacce) stanno diventando sempre più frequenti nei confronti della nostra Categoria che, quotidianamente, dà il suo contributo alla serena convivenza ed al rispetto delle regole del vivere civile nelle nostre città.

         A ciò si aggiunga che i lavoratori e le lavoratrici dei corpi di polizia locale (municipale  e provinciale) vengano sempre più spesso poco stimati e considerati, da taluni, solo degli impiegati comunali in divisa che si occupano esclusivamente dei divieti di sosta o delle altre infrazioni al codice della strada.

         Ed in questo contesto, per cause e storture legislative (vedi il regime privatistico del rapporto di lavoro), essendo alla mercé del volere politico e degli amministratori locali  si trasformano  in  esattori attraverso l’applicazione di sanzioni amministrative.

         Vengono così dimenticati altri aspetti del loro ruolo, unico ed insostituibile,  esercitato a diretto contatto con i cittadini e teso ad offrire un consistente contributo al mantenimento della legalità, che non significa solo repressione delle violazioni al codice della strada.

         Questo ennesimo, sconcertante episodio, deve  indurre i rappresentanti delle nostre Istituzioni a riflettere, al fine di risolvere definitivamente le ormai vecchie istanze di tutta la Categoria che, da anni, chiede una normativa chiara sul proprio ruolo professionale ed un contratto specifico.

Esprimiamo i migliori auguri di pronta guarigione alla collega rimasta ferita.

                                               La Segreteria Generale

 

_______________________________________________________________