Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Niente "sceriffi antifumo" per gestori di bar e ristoranti
Sulla sentenza del TAR Lazio

Gli esercenti non saranno perseguiti per il mancato rispetto del divieto

Corriere della Sera 4/8/2005

Un gerundio affosserà la legge Sirchia? Di sicuro un cavillo sintattico-grammaticale ora può mandare in fumo il salutare provvedimento. Esso consente a baristi, ristoratori, gestori vari di togliersi la stella da «sceriffi antifumo» e di limitarsi «ad esporre in modo visibile i cartelli con il divieto, con l’indicazione della sanzione comminata ai trasgressori (27,5 o 275 euro)». Non dovranno più «richiamare i trasgressori all’osservanza del divieto e di segnalare, in caso di inottemperanza al richiamo, il comportamento dei trasgressori ai pubblici ufficiali competenti a contestare la violazione e ad elevare il conseguente verbale». Lo scrivono i magistrati del Tribunale amministrativo regionale del Lazio (Francesco Corsaro, Angelica Dell’Utri e Stefano Fantini) a pagina 18 di una sentenza resa pubblica ieri, con malcelata soddisfazione, dalla Fipe. «Hanno vinto la legge e il buon senso - afferma, infatti, Edi Sommariva, direttore generale di Fipe-Confcommercio - perché l’interpretazione del Tar avvalora le nostre tesi: gli esercenti non possono sostituirsi alle forze dell’ordine e non possono mettersi in una posizione di così forte contrasto nei confronti dei clienti che devono essere serviti e non denunciati». Aggiunge il presidente, Sergio Billè: «Non abbiamo mai messo in forse l’obiettivo della legge di tutelare la salute. La nostra protesta è sempre stata incentrata sull’inadeguatezza da parte degli esercenti nello svolgere funzioni di pubblica sicurezza». Secca la reazione di Alessandro Miano, del Movimento Consumatori di Milano: «È proprio un brutto segnale di fumo che il clima è cambiato con l’arrivo di Storace: è l’ora del lassismo. Anche se una sentenza non fa primavera, essa indica che si vuol togliere efficacia a un provvedimento che abbiamo condiviso senza se e senza ma. E parla un fumatore accanito». Tutto nasce da un ricorso, appoggiato dalla Fipe, dei gestori del bar «Lo Scaletto» di Savona, Massimiliano Marzano e Fabrizio Stefano, contro 420 euro di multa per «avere ommesso di far rispettare la norma». Difesi da un illustre avvocato, Antonio Baldassarre, ex presidente della Consulta e della Rai, l’hanno spuntata: hanno avuto il riconoscimento del principio della mancanza di responsabilità. «Una circolare del ministro non può imporre loro di far mettere le multe - argomenta il Tar - Occorre una legge per imporre i doveri di vigilanza». I conduttori dei locali - recita la legge - curano l’osservanza della legge "esponendo" i cartelli con il divieto. «Ecco - conclude il Tar - l’obbligo è solamente quello, atteso che l’uso del gerundio sta sintatticamente proprio a specificare il contenuto dell’obbligo enunciato nella proposizione principale».

Costantino Muscau

Leggi il testo della sentenza: http://www.fipe.it/fipe/Area-legis/Area-pubbl/Fumo/fumo-sentenza.pdf

__________________________________________________________________________________

Per il Tar, con la circolare «viene imposto un preciso dovere di vigilanza a fini pubblici a soggetti privati, del tutto sfornito di base legale, e illegittimo per violazione del principio di legalità». Si determina così «la surrettizia trasfigurazione giuridica di un soggetto privato (gestore) in una figura pubblica, ovvero in un incaricato di pubblica funzione o pubblico servizio»
____________________________________________________________________________