Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

A Firenze giÓ applicate le ultime modifiche al codice della strada
Le novitÓ in vigore dal 23 agosto

Sequestrato e confiscato motorino, applicato nuovo Codice della strada

La Nazione 24/8/2005

Prima applicazione del nuovo Codice della strada ieri a Firenze. E' avvenuto in Via S. Gervasio dove un ciclomotore con a bordo due ragazzi si Ŕ scontrato con una macchina. Il ciclomotore Ŕ giÓ stato sequestrato e sarÓ confiscato. Il che significa che non tornerÓ pi¨ nelle mani dei proprietari.

La nuova norma Ŕ entrata in vigore alla mezzanotte del 23 agosto , ma la gente non lo sa. Si tratta della nuova legge 17.8.2005 n░168 che innova il Codice dalla strada e prevede la confisca dei ciclomotori e motocicli se si viaggia senza casco, col casco allacciato o messo male, se non si tengono le mani sul manubrio, se non si Ŕ seduti come si deve.

Confisca del mezzo anche per chi si fa trainare o traina qualcuno, chi viaggia senza assicurare bene quello che trasporta o con oggetti sporgenti oltre 50 centimetri, chi trasporta animali non in gabbia, chi viaggia in tre o in due nel caso in cui il motociclo non sia omologato.

"La confisca Ŕ una sanzione non da poco - ha detto il comandante della Polizia municipale Alessandro Bartolini - sia per chi possiede ciclomotori, ma ancora di pi¨ per chi detiene moto costose e di grossa cilindrata. Non contesto la norma, perchŔ, anche se molto punitiva, va comunque nella direzione di una sempre maggiore sicurezza stradale. Contesto il fatto che nessuno abbia pubblicizzato questa rilevante novitÓ, dando modo ai cittadini di capirne l'importanza."

La legge prevede molte altre novitÓ, tra cui la confisca del ciclomotore o motoveicolo adoperato per commettere un qualsiasi reato; quindi anche per la guida in stato di ebbrezza o sotto l'influenza di sostanze stupefacenti, per omissione di soccorso o fuga in caso di incidente, per le gare di velocitÓ o l'alterazione di targa.

"Ma una delle cose pi¨ rilevanti - ha detto infine il comandante Bartolini - Ŕ la previsione dell'obbligo per i comuni di destinare una parte dei proventi derivanti dalle sanzioni del Codice della Strada ai corsi didattici che la Polizia Municipale svolge nelle scuole".
____________________________________________________________________________________