Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Cassazione-Comune responsabile per imperfetta esecuzione della strada

13/07/2006 - da www.helpconsumatori.it

Il Comune deve rispondere del danno subito da un cittadino in caso di incidente provocato dalla difettosa esecuzione di una strada pubblica.

Manto stradale male eseguito? Trabocchetti ed insidie in grado di generare pericolo per i cittadini? Ne risponde il Comune. Lo ha sancito la Corte di Cassazione (Sezione Terza Civile n. 14456 del 22 giugno 2006, Pres. e Rel. Sabatini), condannando l'amministrazione locale a risarcire il danno subito da un utente in seguito ad un incidente causato dall'imperfetta esecuzione di una strada comunale.

"Nell'esercizio del suo potere discrezionale - sostiene la Cassazione - in materia di esecuzione e manutenzione di opere pubbliche il Comune incontra limiti derivanti sia da norme di legge, regolamentari e tecniche, sia da regole di comune prudenza e diligenza, prima fra tutte quella del neminem laedere, in ossequio alle quali essa è tenuta a far sì che l'opera pubblica (in particolare una strada aperta al pubblico transito) non integri per gli utenti gli estremi di una situazione di pericolo occulto (cosiddetta insidia o trabocchetto). Tale situazione ricorre, in particolare, quando lo stato dei luoghi è caratterizzato dal doppio e concorrente requisito della non visibilità oggettiva del pericolo e della non prevedibilità subiettiva del pericolo stesso".

___________________________________________________________________________