Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Circa 9mila decessi all'anno per colpa dell'inquinamento
Allarmanti i dati del Rapporto OMS-APAT

ItaliaOggi  - Enti Locali e Stato del 20/9/2006
(di Silvana Saturno)

 (....omissis......) A Roma durante la conferenza ´In città senza la mia auto', nel corso della quale sono stati diffusi anche gli ultimi dati Oms Europa sugli effetti nocivi delle emissioni.

L'allarme Oms. Circa 9 mila morti l'anno in più per colpa dell'inquinamento. Sono 8.220 quelli che muoiono in media per gli effetti a lungo termine delle concentrazioni eccessive di materiale particolato (Pm10) e 516 per le eccessive concentrazioni di ozono. I dati sono contenuti nel rapporto condotto dall'Oms, l'Organizzazione mondiale della sanità-Europa, per conto dell'Apat (Agenzia di protezione dell'ambiente). Lo studio ha monitorato l'inquinamento in 13 città italiane di oltre 200 mila abitanti (Torino, Genova, Milano, Trieste, Padova, Venezia-Mestre, Verona, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Catania e Palermo), che equivalgono a circa 9 milioni di persone, pari al 16% del totale della popolazione.

Gli esperti giudicano ´considerevole' l'impatto sanitario: tra il 2002 e il 2004, i decessi ascrivibili agli effetti a lungo termine delle concentrazioni di Pm10 superiori ai 20 mg/mc, il 9% della mortalità negli over 30 per tutte le cause esclusi gli incidenti stradali. Mentre le nuove conoscenze disponibili sugli effetti sanitari del Pm10 consentono di scomporre l'impatto della mortalità per gli effetti cronici in cancro al polmone (742 casi l'anno), infarto (2.562) e ictus (329). Molto elevati anche i numeri relativi all'ozono e alla diffusione delle malattie da inquinamento (bronchiti, asma ecc.).

(riproduzione riservata, si rin grazia l'Editore per la gentile concessione)