Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Sicurezza stradale:Fuorilegge il 20% dei pneumatici delle due ruote
Controlli a tappeto a Milano ed iniziative dei produttori e distributori

Milano, 12 lug.2007 (Apcom) -

Potrebbe essere attorno al 20 per cento la percentuale di pneumatici di ciclomotori e motocicli circolanti senza regolare omologazione. Uno pneumatico su cinque, infatti, secondo un'indagine condotta dalla polizia locale di Milano, che ha controllato circa 5.000 motocicli e scooter, risulta fuorilegge.

La verifica ha riguardato lo spessore del battistrada, l'uniformità dell'usura, la corrispondenza alla carta di circolazione e l'omologazione. Per ottenere l'omologazione gli pneumatici devono soddisfare una serie di regolamenti che sanciscono le caratteristiche dimensionali e prestazionali (carichi, velocità), con le relative marcature. Solo prodotti "conformi" possono essere immessi sul mercato. Ma come verificare se il proprio ciclomotore ha gli pneumatici in regola? Sulla ruota deve esserci una "E" maiuscola in un cerchio o "e" minuscola in un rettangolo - spiegano la Assogomma e la Federpneus, rispettivamente le due associazioni che rappresentano i produttori e i rivenditori di pneumatici e che hanno condotto l'indagine in collaborazione con Aci e Forze dell'ordine - seguita da un numero identificativo del Paese che rilascia l'omologazione. Tale marcatura, sempre in rilievo, deve obbligatoriamente essere seguita da un numero generalmente composto da sei cifre. La mancanza del riferimento del Paese o del codice a sei cifre che segue al di fuori del cerchio o rettangolo sta a significare che il pneumatico non possiede l'omologazione europea.

Circolare con pneumatici non omologati - avvertono gli autori dell'indagine - è un rischio per la sicurezza stradale; in caso di incidente le assicurazioni possono non liquidare il danno, le Forze dell'Ordine possono sanzionare il guidatore e prevedere il fermo del mezzo. L'indagine milanese ha anche evidenziato che circa il 4% dei mezzi a due ruote controllati hanno il battistrada aldi sotto dei limiti di legge. Estrapolando i dati anche degli anni precedenti, secondo l'indagine si può supporre che circa 4 milioni di veicoli in Italia viaggiano con pneumatici lisci. Inoltre la ricerca, pur non avendo rilevato le pressioni delle gomme ha evidenziato un usura non uniforme dei pneumatici che può essere attribuibile in buona parte ad un loro sottogonfiaggio. "Non è certo cosa da poco controllare in poche settimane cinquemila veicoli a due ruote - ha detto il comandante della Polizia locale di Milano, Emiliano Bezzon - ma è uno sforzo che ci siamo sobbarcati volentieri, con l'obiettivo dichiarato di far emergere con chiarezza ed obiettività elementi studio e riflessione su un aspetto concreto della sicurezza stradale: la capacità di un veicolo a due ruote di mantenere un assetto corretto di marcia, di arrestarsi in tempi e modi adeguati, di avere la necessaria aderenza nelle diverse condizioni del fondo stradale".

Consigli utili su uso e manutenzione degli pneumatici sono disponibili al sito " www.pneumaticisottocontrollo.it  "