Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Nella regione lombarda furti d'auto diminuiti del 21%
Panoramica sui dati elaborati da Asaps

Corriere della Sera  1/9/2007 (Nestore Morosini)

MILANO — I furti d'auto in Italia hanno fatto segnare nel 2006 una diminuzione del 9,1%: sono stati rubati 171.293 veicoli contro i 188.540 del 2005.
I dati nazionali ufficiali del ministero dell'Interno, rielaborati dall'Asaps (Associazione dei sostenitori della polizia stradale) e suddivisi anche per provincia e per categoria di veicoli, sono oggetto di un' inchiesta pubblicata su «Il Centauro», organo ufficiale dell'Asaps. Il dato della Lombardia è significativo: la regione è scesa dal primo al terzo posto nella classifica dei furti d'auto con un calo del 21% passando dai 36.207 mezzi trafugati nel 2005 ai 28.606 del 2006. In testa alle province nella classifica della diminuzione dei furti è Milano (-20%) pur registrando il poco invidiabile primato di furti: 20.744 (11.029 i veicoli rinvenuti). La migliore «performance» è quella di Brescia (- 36%) con 2.338 reati consumati e 1.519 rinvenimenti; mentre Sondrio, con solo 62 furti e 42 rinvenimenti, è l'unica provincia in controtendenza (+40%). La generale diminuzione dei furti ha origine precise incontrovertibili. Innanzitutto i controlli da parte degli organi di polizia che si sono incrementati. In particolare nei porti, dove le ispezioni delle navi si sono fatte capillari per impedire e reprimere il trasporto di vetture rubate, soprattutto di grossa cilindrata. In secondo luogo, il calo è dovuto alla minor richiesta di pezzi di ricambio a basso prezzo vista la maggiore affidabilità dei componenti. Si sono, poi, rinforzati i collegamenti e la collaborazione tra le polizie della Ue che operano ormai costantemente in tempo reale. Infine i sistemi elettronici che, sempre più spesso, riescono a battere l'abilità dei ladri. Oltre a calare il numero dei furti, migliora anche la situazione sul fronte del recupero dei veicoli rubati. «Nel corso del 2006 — dice Giordano Biserni, presidente dell'Asaps — i veicoli rinvenuti ammontano a 15.769 contro i 15.409 del 2005».
Tornando ai furti registrati nelle province lombarde e ai relativi recuperi si nota che, nella «classifica», dopo Brescia si posiziona Bergamo con 1.501 auto sparite (-22,6%), di cui 848 poi recuperate. Anche Varese presenta un conto in calo con 1.111 denunce di furto (-11,9%) e 598 recuperi. Seguono Pavia: -892 furti (-13,3%) e 614 rinvenimenti; Como: 740 le auto sparite (8,1%) e 391 ritrovate. E, ancora, Lecco con 357 denunce di furto — identico numero rispetto al 2005 — e 164 verbali di restituzione; infine Mantova, provincia nella quale nel 2006 i furti sono stati 302 (-25,2%) e i recuperi 176.
Meno consistente il fenomeno furti nelle restanti tre province: oltre a Sondrio, di cui si è detto, a Cremona i veicoli rubati sono stati 287 (-9,2%). «In questo caso la risposta delle istituzioni è stata particolarmente efficace — commenta Biserni — visto che i recuperi sono stati ben 204, mentre a Lodi le sparizioni hanno toccato quota 272 , con un -19,8%, e i rinvenimenti invece 184».

_________________________________________________________________________________