Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Convertito in legge il decreto-legge 3 agosto 2007, n. 117
Sicurezza stradale: sì definitivo stamattina al Senato

Fonte www.senato.it 2/10/2007

Il Senato, nella seduta antimeridiana del 2 ottobre, ha convertito definitivamente in legge il ddl 1772-B, recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 3 agosto 2007, n. 117, recante disposizioni urgenti modificative del codice della strada per incrementare i livelli di sicurezza nella circolazione".
Il disegno di legge era stato approvato dal Senato il 19 settembre e poi modificato dalla Camera dei deputati il 27 settembre.

La nuova legge introduce varie modifiche al codice, tra cui quella che riguarda la guida senza patente (ovvero la guida con patente revocata o non rinnovata per mancanza dei requisiti), per cui vengono introdotte sanzioni penali, quali l'arresto fino a un anno e l'ammenda da euro 2.257 a euro 9.032.
Per quanto riguarda la velocità dei veicoli, la legge introduce, tra l'altro, una nuova più grave fattispecie di superamento dei limiti, qualora siano superati di oltre 60 km/h; il superamento di oltre 40 km/h e di non oltre 60 km/h dei limiti massimi di velocità è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 370 a 1.485 euro e alla sospensione della patente di guida da tre a sei mesi. Per la più grave fattispecie del superamento di oltre 60 km/h del limite di velocità, viene prevista una sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 500 a euro 2.000 e la sospensione della patente di guida da sei a dodici mesi. Viene poi introdotto il divieto di sosta e di fermata del veicolo se effettuata allo scopo di mantenere in funzione l'impianto di condizionamento d'aria nel veicolo stesso, sanzionando la violazione con il pagamento di una somma da euro 200 a euro 400. Inasprite poi le sanzioni relative all'uso di apparecchi radiotelefonici o di cuffie e per la guida in stato di ebbrezza e sotto effetto di sostanze stupefacentie.
E' stata poi modificata la tabella allegata all'articolo 126-bis del codice in tema di patente a punti.   
E' stato infine istituito un Fondo contro l'incidentalità notturna presso la Presidenza del consiglio dei ministri.