Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

In caso di noleggio di apparecchi autovelox, niente percentuali legate alle sanzioni
Anche l'Anci si allinea ai pareri di agosto espressi dal ministero dei Trasporti

di Alberto Gardina e Simona Loconsole, Il Sole24ore, 8.10.2007 

I Comuni possono noleggiare gli autovelox, ma devono prestare particolare attenzione alle modalità di pagamento che scelgono per questa locazione. Infatti, il noleggio di apparecchiature per rilevare infrazioni al Codice della strada è consentito, ma è meglio quantificare un costo fisso per ogni singola operazione effettuata, evitando di trasferire al noleggiatore una percentuale della sanzione dovuta dal trasgressore. Questo per evitare dubbi sulle finalità del servizio e riconoscere, per un'identica attività (ad esempio l'accertamento del superamento dei limiti di velocità) somme diverse in relazione alla diversa entità della multa da pagare.


La precisazione è giunta dall'Anci, con una nota del 5 ottobre, relativa alle modalità di utilizzo e di riconoscimento del canone di noleggio di apparecchiature utilizzate per accertare infrazioni al codice della strada. Il chiarimento si allinea a due distinti pareri espressi dal ministero dei Trasporti lo scorso 3 e 10 agosto, inviati (con note non pubbliche) al ministero dell'Interno - Dipartimento Affari Territoriali.


Dopo i Trasporti viene quindi la posizioni dell'Associazione nazionale dei Comuni. Tuttavia, le considerazioni Anci non vanno considerate assolutamente vincolanti (non trattandosi di un organo competente sulla materia), quanto piuttosto un suggerimento agli enti locali. Spetta poi al ministero dell'Interno coordinare l'espletamento dei servizi di polizia stradale, da parte di qualunque organo e chiarire le modalità di accertamento delle infrazioni e la destinazione dei proventi del Codice della strada.


Per quanto attiene il corrispettivo da riconoscere all'aggiudicatario dell'appalto, l'Anci suggerisce di quantificarlo in base al costo che dovrà essere sostenuto per ogni singola operazione effettuata: quindi, una cifra fissa per ogni violazione accertata, indipendentemente dal comma dell'articolo 142 del Codice al quale ricondurre la sanzione da applicare per il superamento del limite di velocità.


Le attività sostenute e da riconoscere al privato rientrano tra le «spese di accertamento». Per questo motivo, ritiene l'Anci, dovrebbe essere agevole «quantificare preventivamente i costi ed individuare il corrispettivo da riconoscere all'impresa appaltante». Con queste indicazioni l'associazione dei Comuni prende quindi posizione nel dibattito sulla legittimità e liceità del riconoscimento al noleggiatore delle apparecchiature di una percentuale della multa incassata o accertata.

Anci suggerisce proprie linee guida anche in relazione alle modalità di espletamento dei servizi di polizia stradale mediante l'utilizzo di apparecchiature fisse di rilevazione delle infrazioni al Codice stradale.
Ricalcando gli atti del ministero dei Trasporti, l'Associazione precisa che l'accertamento di queste violazioni non può essere delegato a terzi: se così fosse i relativi verbali sarebbero nulli.


Pertanto occorre sempre la «gestione diretta» da parte degli organi di polizia stradale (articolo 11 del Codice della strada) delle apparecchiature destinate al rilevamento delle infrazioni, che dovranno stabilire modalità e tempi di utilizzo dei sistemi.


I privati dovranno limitarsi a svolgere attività puramente manuali, sotto il diretto controllo degli organi di polizia stradale: ad esempio, la rimozione e sostituzione dei rullini, lo sviluppo e stampa dei fotogrammi, la masterizzazione dei dati relativi, la preparazione degli atti di notifica.


Resta fermo l'affidamento esclusivo agli organi di polizia stradale di tutte le operazioni che concorrono alla formazione dell'atto pubblico, quali la convalida dell'accertamento e la sottoscrizione del verbale, nel rispetto delle disposizioni che tutelano la riservatezza.


Il ministero dell'Interno dovrà a questo punto impartire le direttive che saranno vincolanti anche per le polizie municipali.

Fonte: http://www.ilsole24ore.com/