Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Altra proposta di legge sulla polizia municipale
Da agenti di polizia municipale a polizia

Roma, 9 ott. 2007(Apcom) - I sindaci potranno scegliere di trasformare una quota degli agenti della polizia municipale in agenti di polizia tout court, in 'unità di prossimità' specializzate nel controllo del territorio e nel contrasto alla criminalità. E' quanto prevede un disegno di legge bipartisan che è stato presentato oggi e che, nelle intenzioni dei firmatari, parlamentari di maggioranza e di opposizione, vuole collegarsi al pacchetto sicurezza che il governo si appresta a varare. Per questo il ddl è stato inviato, dal senatore dielle Antonio Polito, uno dei promotori dell'iniziativa, al presidente dell'Anci Leonardo Domenici e ai sindaci di Bologna, Sergio Cofferati, e di Torino, Sergio Chiamparino in prima fila tra gli amministratori locali che hanno chiesto più poteri e più fondi per la sicurezza.

Il ddl è stato firmato dai senatori Polito, Carloni, Centaro, Maccanico, Malvano, Ramponi, Scalera e Viepoli e dai deputati Azzolini, Bianco, Laurini, Nespoli, Pellegrino, Ranieri tutti impegnati nel gruppo parlamentare trasversale Napoli 2012 la cui nascita è stata favorita dall'associazione 'L'altra Napoli onlus'. Il ragionamento che ispira la legge si basa sul fatto che solo una parte minore dei vigili urbani viene effettivamente impiegata 'on the road': basta per tutti l'esempio di Napoli dove, spiega Franco Malvano (FI), "su 2.300 agenti della polizia municipale solo 500 sono impiegati sulla strada, è una dimostrazione di buon senso cercare di riequilibrare questa situazione".

"Le forze a disposizione dello Stato per il contrasto alla criminalità - spiega Polito - non sono utilizzate a sufficienza, la presenza di più divise a fianco dei cittadini consente di prevenire o in qualche caso reprimere i piccoli attentati alla convivenza civile, per questo una parte dei vigili urbani potrebbero diventare agenti di polizia: se l'esercito può controllare il territorio perchè non potrebbe farlo, adeguatamente preparata, addestrata e con le indennità necessarie, una parte della polizia municipale?". Finora questa possibilità non c'era, la legge apre un varco e offre uno strumento ai sindaci: i compiti di questa 'nuova' polizia municipale, che se tutto filerà liscio dovrebbe essere operativa già entro 6 mesi-un anno, saranno stabiliti da un decreto del ministero dell'Interno d'intesa con l'Anci e sentiti i sindacati delle polizie municipali.