Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Bocciato il «gratta e sosta» fuori dal centro
Milano-Per il GdP «va garantito il parcheggio gratuito nelle aree che non hanno particolare pregio storico o ambientale»

Il Comune non si è presentato davanti al giudice per dire le proprie ragioni. Il Codacons: accolte le nostre tesi
Via Adige non rientra in una zona di particolare rilevanza urbanistica. È arrivata la sentenza. Quella che spiega perché il giudice di pace Ines Robolotti ha annullato ben 15 multe prese da un cittadino in via Adige per aver parcheggiato senza gratta e sosta sulle strisce blu. Una causa pilota avviata dal Codacons sulla base di una sentenza della Corte di Cassazione che dichiarava nulle tutte le multe prese sulle strisce blu se i comuni non avessero predisposto altrettanti parcheggi liberi nella vicinanze. Il Comune, da parte sua, si era sempre difeso con veemenza. «Abbiamo rispettato il Codice della strada: in alcune aree della città di particolare rilevanza urbanistica, ossia zone in cui ci sono esigenze e condizioni particolari di traffico, è possibile realizzare le strisce blu senza i corrispettivi parcheggi liberi. E via Adige rientra in questa zona che va dal centro alla cerchia filoviaria 90-91». Peccato che il Comune non si sia presentato davanti al giudice di pace per presentare le sue ragioni. E adesso, ci si trova di fronte a una sentenza che potrebbe fare scuola aprendo la strada a migliaia di ricorsi.
«Via Adige - scrive il giudice entrando nel merito - non riveste notoriamente interesse di carattere storico, artistico o di particolare pregio ambientale, né il Comune di Milano non costituendosi, ha provato che nelle immediate vicinanze di via Adige vi fosse un'area adibita a parcheggio libero, né ha prodotto documentazione che indicasse che detta via rientra nelle zone di particolare rilevanza urbanistica, opportunamente individuate e delimitate dalla giunta nelle quali sussistano esigenze e condizioni particolari di traffico». Una semplice carenza di documentazione perché il Comune non si è presentato in aula? Non è così per il coordinatore dei giudici di pace Vito Dattolico: «Il Comune deve capire che non è così semplice allargare in questo modo una zona di particolare rilevanza urbanistica dal centro fino alla cerchia filoviaria. Ci devono essere dei limiti e delibere con precise indicazioni. Quando il Comune farà delle delibere con l'elenco dettagliato delle vie e con adeguate motivazioni sul traffico di ogni via allora le cose cambieranno ». Inutile sottolineare la soddisfazione del Codacons: «La sentenza - attacca il presidente Marco Maria Donzelli - dimostra la bontà della tesi del Codacons e cioè che il Comune non rispetta la normativa perché non ha motivato e non motiva l'ampliamento a dismisura della zona di particolare rilevanza urbanistica. E poi questa misura della sosta a pagamento tra la cerchia dei Bastioni e la circonvallazione esterna è in contraddizione con Ecopass: perché un auto ferma e parcheggiata inquina meno di un auto in movimento alla ricerca spasmodica di un posto». Tocca all'assessore ai Trasporti, Edoardo Croci raffreddare gli entusiasmi: «La delibera con cui è stata istituita la zona di particolare rilevanza urbanistica fino alla circonvallazione esterna è stata fatta dalla giunta Albertini. Io ne ho presentata un'altra che allarga la zona agli assi di ingresso della metropolitana per l'ampliamento della sosta a pagamento. E posso dire che ci sono tutte le motivazioni necessarie. Persino i numeri del traffico intorno a quelle strade. Mi sembra difficile che qualcuno possa contestare che l'area compresa nella 90-91 non costituisca un'area con particolari problemi di traffico. Il vero problema è che il Comune non si è costituito in giudizio ». Ma quasi sicuramente farà ricorso.
Maurizio Giannattasio - Corriere della Sera 11/1/2008

____________________________________________________________________________________