Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Cassazione n. 2304 del 31/1/2008
Multe: la notifica lasciata al portiere è nulla senza la "ricerca" degli altri abilitati alla ricezione

L'incaricato non può limitarsi a dare atto della momentanea assenza del destinatario, ma deve precisare nella relata di aver provato a rintracciare tutte le altre persone autorizzate a ricevere l'atto.

La mancata certificazione dell'iter da rispettare per la notifica a mezzo posta, prima di lasciare il verbale nelle mani del portiere, può salvare il "trasgressore" dal pagamento di una multa per violazione al Codice della Strada. La notifica a mezzo posta fatta al custode dello stabile del destinatario, infatti, è nulla quando l'ufficiale giudiziario si è limitato a dare atto della precaria assenza del destinatario senza certificare l'avvenuta ricerca delle ulteriori persone abilitate a ricevere l'atto. A meno che le parole usate dall'incaricato, nella relata di notifica, abbiano lasciato intendere il mancato rinvenimento nel luogo della notifica di ogni altro soggetto autorizzato a ricevere l'atto.
Lo ha affermato la Cassazione nella sentenza 2304/08 (qui leggibile nei prossimi giorni) con cui ha ricordato che il principio in esame è stato confermato anche dal Supremo collegio della Sezioni unite civili (sentenze 1097/00, 6214/05): accolto il ricorso di una donna che, con riferimento alla cartella di pagamento di tre verbali di infrazione al Cds, non aveva mai ricevuto la notifica delle relative contestazioni. Essendosi, in sostanza, accertato che i tre avvisi di ricevimento presentati in causa dal Comune impositore erano stati firmati dal portiere della signora. In altre parole, la ricorrente ha dedotto che la notifica effettuata nelle mani del suo custode era affetta da nullità perché non risultava certificata la "previa, vana ricerca delle altre persone abilitate alla consegna" nel caso di sua assenza. La seconda sezione civile del Palazzaccio le ha dato ragione ed ha, contemporaneamente, ricordato il principio di diritto secondo il quale è tassativa la successione preferenziale delle persone alle quali per legge può essere consegnata, in caso di assenza del destinatario, la copia dell'atto da notificare. Pertanto, la notifica è nulla se nella relata manca la certificazione delle dovute ricerche degli altri soggetti abilitati a ricevere l'atto in assenza del "trasgressore". (b.m.)
 
tratto da www.giuffre.it  19/2/2008