Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Sul tema (in)sicurezza forse servono meno uomini, se guardiamo oltre confine
Troppi addetti, mezzi e risorse che non servono a tutelare i cittadini, perchè gestiti male

I candidati dell'una e dell'altra sponda alle ultime elezioni hanno promesso più sicurezza ai cittadini, additando il medesimo rimedio: più soldi, più mezzi, più uomini. Andando indietro con la memoria sin dagli anni del terrorismo, non c'è mai stata un'emergenza di ordine pubblico per la quale tanto i politici responsabili come le organizzazioni sindacali di polizia non abbiano invocato sempre più mezzi, più soldi, più uomini sembrando sempre insufficienti le risorse portate dall'emergenza precedente. Così si è registrato un costante aumento del personale delle tre polizie principali, cioè Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza, le quali d'ora in avanti chiameremo più semplicemente polizia. Oggi ammontano, secondo il ministero dell'economia, a 334.245 unità. Secondo l'Istat, gli italiani sono 58.462.375. Da queste due cifre sappiamo di avere un poliziotto ogni 175 abitanti. Siamo quindi il paese che ha in assoluto più polizia sia rispetto al numero di cittadini sia rispetto all'estensione territoriale. In Germania, per fare un esempio, ad ogni poliziotto sono affidati poco meno di 400 cittadini. La situazione è tuttavia ancora peggiore. Trascuriamo, per ora, la polizia penitenziaria e il corpo forestale dello stato, i cui organici sono praticamente raddoppiati negli ultimi anni. Meritano più attenzione due ulteriori polizie i cui costi ricadono sui cittadini in maniera diretta e indiretta. La prima di queste categorie è rappresentata dalle polizie locali, cioè comunali e provinciali. Per brevità omettiamo di parlare delle polizie a carattere regionale.

Lo stato non sa quanto si spende per le polizie locali poiché non sa quanti siano i poliziotti degli enti locali. Si ipotizza che siano non meno di 80.000 e forse non più di 100.000, tenendo conto che il limite inferiore è certamente superato quello superiore è invece solo una stima. A questa polizia si affianca spesso la figura dell'ausiliare. Questi ha solo il compito di rilevare specifiche infrazioni e, dunque, non è assimilabile a un vigile vero e proprio. Non di meno il suo costo grava sull'assetto complessivo di sicurezza, specie quando la polizia locale è utilizzata male.

Un ulteriore gravame deriva dalle polizie private. Le varie emergenze, come la violenza negli stadi o gli assalti alle abitazioni isolate, hanno irradiato la privatizzazione della sicurezza. Il cittadino, pressato da situazioni che lo stato non sa fronteggiare, adotta rimedi che vanno dalle “ronde”, il fai-da-te della sicurezza, alla sorveglianza privata. Tali costi non gravano sullo Stato ma sui cittadini che offrono tempo e danaro per la sicurezza, alla quale avrebbero diritto grazie alle tasse. Nel Meridione la vigilanza privata assume spesso forme inquietanti di ambiguità. Al calar della sera vasti territori sono affidati alla vigilanza privata, mentre le polizie statali arretrano. Se avete una casa isolata, sarete bersagliati da furti e danneggiamenti, finché non ricorrete alla locale polizia privata. Pagato il canone dei vigilantes, i furti e i danneggiamenti cessano. Sono almeno 50.000 i poliziotti privati; sommati alle polizie locali, abbiamo 150.000 uomini. Ricapitoliamo. 334.245 uomini delle polizie, più 150.000 fra locali e privati, portano a 484.245 le persone che badano alla nostra sicurezza; ogni 120 italiani (compresi 60 fra lattanti e vegliardi) c'è un addetto alla sicurezza. Non basta. Nelle tre principali polizie imperversano ridondanze e sovrapposizioni. Almeno due polizie scientifiche, tre reparti a cavallo e una quantità interminabile di bande musicali e gruppi sportivi. Migliaia di elicotteri, aerei, battelli, oltre che navi vere e proprie; necessari per la sorveglianza in mare, dicono. Peccato che ci sia un'altra specifica polizia per questo, la Guardia Costiera, la quale con 5 pattugliatori della classe 900, 28 unità d'altura a grande autonomia della classe 200, 43 motovedette classe 800 per la ricerca e soccorso in mare, 26 motovedette classe 2000 e 32 unità navali classe 500 e 9 elicotteri Agusta AB 412 CP non ha nulla da invidiare alla Coast Guard degli Stati Uniti d'America, che ha due coste oceaniche da sorvegliare e la frastagliatissima e lontanissima Alaska. La situazione è ancora peggiore ma ci fermiamo qui, per ora. Chi in Italia voglia fare qualcosa per la sicurezza deve ridurre, unificare e risparmiare uomini, mezzi e soldi.  Pietro Laporta  Italia Oggi 7/5/2008

 

 

Insicurezza europea  (6/5/2008- Martina Bandini )
 
Praga, 5 maggio 2008: 1.200.000 abitanti, migliaia di turisti, ordine, pulizia, e molta polizia ben organizzata. Tutto tranquillo.

Torino, 5 maggio 2008: 900.000 abitanti, .turisti e polizia meno organizzata: vigili presi d'assalto da cittadini multati.


Ma perché queste cose succedono solo da noi?


A Praga Piazza Venceslao è segnalata ai turisti come una zona "in cui stare attenti" per possibili scippi, borseggi. In effetti c'è molta gente, molti giovani e molta voglia di divertirsi fra birrerie e casinò. Ma tutto è sotto controllo: ogni 100 mt ci sono presidi di polizia a piedi, tutti ben organizzati di manganello, armi, manette, giubbotti anti-taglio,ecc.senza distinzioni di sorta fra servizi municipali e statali.
Gli operatori sorvegliano in silenzio ma sistematicamente tutti gli angoli e i marciapiedi facendo contravvenzioni alle auto in sosta vietata, sedando gli animi focosi, ma soprattutto diffondono quel senso di sicurezza che fa rilassare e stare bene anche i turisti oltre che i propri cittadini.

A Torino prevale l'insicurezza e il senso di disagio ovunque. La polizia locale, una delle meglio organizzate d'Italia, deve convivere con i limiti forzati da un ordinamento incapace di scegliere se fare dei vigili polizia e dei clandestini e dei fuori legge oggetto di severità. Tutto procede nell'incertezza e nell'imbarbarimento complessivo. I turisti avvertono questa debolezza ma la percepiscono soprattutto i delinquenti che sanno bene come e dove affondare i denti. Mica vanno a Praga a commettere angherie. Se ne stanno nel paese dei Balocchi in cui è ha rimasta, ormai, solo la fantasia da esportare.
_________________________________________________________________________________________