Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Codice della Strada
Sanzioni aggiornate all'1/1/2009-Prontuario, tabelle e codice della strada

Dal 1° gennaio un aumento del 5% (di Stefano Manzelli- Italia Oggi del 27/12/2008)

Tra qualche giorno costerà più caro parcheggiare in divieto di sosta ma anche passare con il semaforo rosso, pigiare troppo sull'acceleratore e non allacciarsi le cinture di sicurezza. Entrerà infatti in vigore la notte di capodanno l'adeguamento periodico delle multe stradali che comporterà un aumento medio del 5% degli importi delle infrazioni stradali. Lo stabilisce un decreto del ministero della giustizia che potrebbe essere pubblicato già oggi sulla Gazzetta Ufficiale e che entrerà in vigore dal 1° gennaio 2009. La revisione biennale degli importi delle multe è disciplinata dall'art. 195 del codice stradale. In pratica si tratta di adeguare alla variazione periodica dell'indice dei prezzi al consumo l'importo delle multe stradali escludendo peraltro le infrazioni aggiornate di recente per effetto di provvedimenti urgenti come il dl Bianchi di riforma del codice stradale.

Tecnicamente risulta anche interessante notare che con l'avvento dell'euro, nel 2002, fu introdotto il principio del troncamento, ovvero di cancellazione dei decimali anche delle multe stradali. A seguito del successivo primo adeguamento degli importi, dal 1° gennaio 2003, i decimali fecero però la loro ricomparsa nelle infrazioni stradali. Per fortuna la legge finanziaria 2005 li ha fatti scomparire definitivamente. Ai sensi del nuovo comma 3-bis dell'art. 195 cds, infatti, «a decorrere dal 1º gennaio 2005, la misura delle sanzioni amministrative pecuniarie, aggiornata ai sensi del comma 3, è oggetto di arrotondamento all'unità di euro, per eccesso se la frazione decimale è pari o superiore a 50 centesimi di euro, ovvero per difetto se è inferiore a detto limite». Considerato un indice Istat del 5%, il ministero della giustizia, di concerto con il ministro delle finanze e dei trasporti, ha adottato questa inevitabile determinazione che aggiorna, dal 1° gennaio, gli importi del codice stradale non revisionati di recente. In buona sostanza resteranno invariate alcune multe accertate per i neopatentati, le autoscuole, l'eccesso di velocità spinto, i veicoli in sosta con aria condizionata accesa, la guida dei motorini e il mancato uso delle lenti. Aumenteranno invece di qualche euro tutte le tradizionali infrazioni stradali come il divieto di sosta che passerà da 36 a 38 euro, il mancato uso della cintura di sicurezza che passerà dagli attuali 70 a 74 euro. Anche passare con il rosso costerà 7 euro in più, per un totale di 150 euro senza considerare però anche le spese del procedimento.

 

Pubblichiamo l'importo delle sanzioni del Codice della Strada aggiornate al 1/1/2009.

Ringraziamo il Comando Polizia Locale di Milano per la gentile concessione.

 Circolare Ministero Interno n. 300/A/1/38802/101/3/3/14

Testo del Codice della Strada aggiornato all'1/1/2009