Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Le circolari ministeriali in relazione alla legge 94/2009

Legge sulla sicurezza, una sintesi delle disposizioni normative

Un circolare ai Prefetti a cura dell'Ufficio di Gabinetto del Ministro illustra le più rilevanti novità introdotte con l'entrata in vigore della legge 15 luglio 2009, n. 94

Una circolare a firma del Capo dell'Ufficio di Gabinetto prefetto Giuseppe Procaccini inviata ai prefetti della Repubblica, evidenzia le novità introdotte in materia di sicurezza pubblica con l'entrata in vigore della legge 15 luglio 2009, n.24, la cosiddetta 'legge sulla sicurezza'.

In estrema sintesi, le disposizioni normative possono essere ordinate in tre macroaree:

1- Immigrazione, cittadinanza , stato civile e iscrizione anagrafica.
Tra le previsioni più significative vi è l'introduzione del reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato, la  modifica delle procedure per il riconoscimento dello Status di rifugiato e l'introduzione di norme che intervengono in senso restrittivo  sulla disciplina dei ricongiungimenti familiari. Anche in materia i cittadinanza vengono introdotti elementi di maggior rigore ad esempio nei procedimenti di acquisto per matrimonio, mirando a limitare il fenomeno dei cosiddetti matrimoni 'di comodo', finalizzati ad acquisire più velocemente la cittadinanza italiana.

2- Disposizioni in materia di contrasto alla criminalità organizzata. 
La legge incide sopratutto su due aspetti: quello dell'aggressione ai patrimoni mafiosi, e quello, più in generale di ordine preventivo. Sul primo fronte viene introdotta una nuova disciplina per l'esecuzione del sequestro preventivo e viene modificata quelle relativa alla conservazione  e amministrazione dei beni sequestrati nel corso di procedimenti di prevenzione antimafia (di particolare interesse la norma che sottrae all'azione esecutiva esattoriale i beni aziendali sequestrati o confiscati per i quali sia stato nominato un amministratore giudiziario).
Sul fronte della prevenzione, di particolare rilievo sono le norme che disciplinano i poteri dei prefetti in ordine agli appalti e quelle sullo scioglimento dei consigli comunali per infiltrazioni mafiose.

3- Ordinamento penale e sicurezza pubblica
Vengono introdotte disposizioni in materia di sicurezza partecipata come quelle che regolano le associazioni di volontari della sicurezza, associazioni di cittadini della cui collaborazione potrà avvalersi il sindaco al fine di segnalare alle Forze di Polizia eventi che possano arrecare danno alla sicurezza urbana ovvero situazioni di disagio sociale.
Viene disciplinata l'attività degli addetti ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento (cosiddetti bodyguard). 
Modificato anche il codice della strada con disposizioni più rigorose sul rilascio e la sospensione della patente, sulla guida in stato di ebbrezza o sotto l'azione di sostanze stupefacenti.
Previste ulteriori misure di contrasto alla cosiddetta illegalità diffusa, con norme che mirano a rafforzare il senso civico introducendo nuove fattispecie di reati nei casi di danneggiamento, deturpamento e imbrattamento delle cose altrui o pubbliche.

>>>>  Circolare del 5 agosto 2009 n. 11001/118/5

>>>>    Circolare Mininterno n.557/LEG/240520.09/3^P   del 7/8/2009

___________________________________________________________________________________________

 

Con la circolare n. 19 del 7 agosto 2009, il Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del ministero dell’Interno ha fornito alcune indicazioni operative in materia di anagrafe e di stato civile sulle novità introdotte dalla legge 15 luglio 2009, n. 94 ‘Disposizioni in materia di sicurezza Pubblica’.

Lo straniero che vuole contrarre matrimonio in Italia deve presentare, oltre a una dichiarazione dell'autorità competente del proprio Paese, dalla quale risulti che nulla osta al matrimonio, anche un documento attestante la regolarità del soggiorno nel territorio italiano.

Le dichiarazioni di nascita e di riconoscimento di filiazione (registro di nascita - dello stato civile) non richiedono l’esibizione di documenti inerenti al soggiorno trattandosi di dichiarazioni rese, anche a tutela del minore, nell'interesse pubblico della certezza delle situazioni di fatto.

Il comune può controllare le condizioni igienico-sanitarie degli immobili, in occasione delle richieste d'iscrizione e di variazione anagrafica, esercitando le proprie competenze in materia sanitaria.

Ridotto il termine per l’avvio del procedimento di cancellazione anagrafica dello straniero, da un anno a sei mesi dalla scadenza del permesso di soggiorno, per mancato rinnovo della dichiarazione di dimora abituale.

Istituito un apposito registro nazionale delle persone senza fissa dimora presso il ministero dell'Interno. In mancanza del domicilio la persona che non ha fissa dimora si considera residente nel comune dove ha stabilito il proprio domicilio, in mancanza del domicilio, si considera residente nel comune di nascita.

 

Ministero dell'Interno - Circolare 7/8/2009 n.19/2009 in materia di anagrafe e stao civile

____________________________________________________________________________________

Cittadinanza italiana. Cambiano alcuni requisiti per la concessione

Le modifiche introdotte dalla legge n.94 del 15 luglio 2009 in tema di 'Disposizioni in materia di sicurezza pubblica'

Novità in tema dei requisiti necessari al conferimento della cittadinanza italiana. Dall'08 agosto 2009, infatti, con l'entrata in vigore della legge n.94 del 15 luglio 2009 (pubblicata sulla Gazzetta ufficiale del 24 luglio 2009), sono state introdotte alcune norme di modifica della attuale legge del 5 febbraio 1992, n.91.

Le nuove disposizioni prevedono, per le domande per matrimonio, l'elevazione del periodo di residenza legale in Italia da sei mesi a due anni; per le domande per residenza e per quelle per matrimonio viene prevista la presentazione di documenti originali in aggiunta a quelli usualmente acquisiti (es. atto di matrimonio); viene introdotto il versamento di un contributo pari a 200€ per le nuove istanze.

Maggiori indicazioni sull’applicazione delle nuove disposizioni  sono state fornite in una circolare del Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione del 6 agosto 2009.

Ministero dell'Interno - Circolare  6 agosto 2009 in materia di cittadinanza

_____________________________________________________________________________________