Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Lombardia-Sez. IV sentenza n. 5153 del 25 novembre 2009
Il comune nega la modifica dell’orario di servizio? Si possono verificare gli orari dei colleghi

Maggiore trasparenza sugli orari lavorativi dei dipendenti comunali. Infatti il lavoratore a cui sia stata negata la modifica dell’orario di servizio può chiedere all’ente locale di conoscere “le timbrature dei colleghi” per verificare se siano state applicate a tutti e senza “discriminazioni” “le ragioni di servizio” per cui la sua domanda è stata respinta. Lo ha sancito il Tar della Lombardia che, con la sentenza n. 5153 del 25 novembre 2009, ha chiarito come “nel caso di specie, il fatto che il ricorrente sia dipendente del Comune che gli ha denegato la modifica dell’orario di servizio richiesta e ritenga di essere pregiudicato da tale diniego, costituisce valido presupposto per l'esercizio del diritto di accesso diretto ad acquisire gli atti per valutare la legittimità, sotto il profilo della non discriminazione, del diniego di modifica dell’orario di servizio”. Non solo. “In proposito – si legge nel paragrafo successivo - deve osservarsi che la richiesta indiscrimi nata di tutte le timbrature, se può apparire immotivata, in realtà tende a verificare se siano applicate a tutti i dipendenti le ragioni di servizio indicate come ostative alla modifica richiesta dal ricorrente”.

(a cura della redazione di www.cassazione.net
)  27/11/2009