Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Decisione n.38997 del 29/12/2009
L'obiettore di coscienza non può fare il vigile

CONSIGLIO DI STATO

L’obiettore di coscienza non può fare il vigile

VENERDI' 01 GENNAIO 2010

Da Palazzo spada cambio di rotta sugli obiettori di coscienza. Non possono fare i vigili urbani in presenza di un regolamento comunale che imponga come normale il servizio armato degli addetti di polizia municipale.
Lo ha sancito il Consiglio di stato che, con la decisione n. 38997 del 29 dicembre 2009, ha respinto il ricorso di un obiettore di coscienza (che aveva chiesto cioè il servizio civile alternativo in luogo di quello militare) che, pur vincitore del posto da vigile urbano nel comune di Novi Velia, non aveva mai potuto prendere servizio. Infatti la seconda classificata al concorso aveva impugnato la graduatoria sostenendo che l’uomo era stato un obiettore di coscienza. Questa tesi è stata accolta dal Consiglio di Stato che, in fondo alle motivazioni ha affermato che in presenza di un regolamento comunale che imponga come normale il servizio armato degli addetti alla polizia municipale, l’obiettore di coscienza incorre nella preclusione di cui all’art. 15 della legge n. 230 del 1998.
Insomma, dopo aver esaminato le norme in materia i giudici di Palazzo spada hanno motivato che, pur rientrando nella discrezionalità dell'Ente locale l'individuazione dei servizi di polizia municipale che vanno svolti in forma armata, vi è un obbligo per tutti gli addetti in possesso della qualifica di pubblica sicurezza di portare le armi in dotazione durante l'espletamento del servizio allorché il Prefetto ne faccia motivata richiesta. Non solo. Ne consegue che, dovendo il vigile-agente di pubblica sicurezza. portare le armi ove addetto a servizi da svolgere in forma armata, per specifica deliberazione comunale o per esplicita richiesta del prefetto, non può acquisire detta qualifica il soggetto in capo al quale sussiste, in base agli artt. 9 L. n. 772/72 e 15 L. n. 230/98, una totale e permanente preclusione all'utilizzo delle armi, come l’obiettore di coscienza.

da "cassazioe.net"