Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Ri.Sc Banca Dati Persone scomparse

L’ Ufficio Commissario straordinario del Governo per le persone scomparse è ubicato in Via Urbana n.7 - 00184 Roma
L’indirizzo di posta elettronica dell’ufficio è:
ufficiocommissario.personescomparse@interno.it


E' operativo il supercomputer Ri.Sc., acronimo di ricerca scomparsi, il nuovo sistema in rete a disposizione delle forze di polizia che servirà a confrontare i dati biometrici delle persone scomparse - ovvero la misurazione delle variabili fisiologiche, come le dimensioni del cranio e la conformazione dello scheletro, che permettono di identificare un individuo - con quelli dei cadaveri non identificati. L'iniziativa è stata realizzata grazie alla collaborazione tra il Commissario straordinario del Governo per le persone scomparse, prefetto Michele Penta, il dipartimento della Pubblica Sicurezza e il ministero della Giustizia.

Come commenta il capo della Polizia Antonio Manganelli, questo progetto "pone il nostro Paese all'avanguardia sul piano internazionale" e consentirà "di avviare immediatamente le investigazioni già al momento della denuncia di scomparsa". La registrazione dei dati dello scomparso dovrà avvenire infatti entro 72 ore dalla denuncia.

Al sistema potranno accedere la polizia scientifica e tutte le forze dell'ordine.

La procedura prevede l'inserimento nel Ri.Sc. della scheda sulla persona scomparsa che viene poi confrontata con quelle contenenti i dati dei cadaveri non identificati, producendo una lista di compatibilità, ovvero una serie di ipotesi di corrispondenza secondo una scala di valori che va da scarso a ottimo. Il sistema conterrà anche le schede degli scomparsi del passato.

Il Ri.Sc. avrà sede al Centro elettronico nazionale (CEN) di Napoli e, afferma Manganelli, "è pronto per essere interfacciato con la banca dati del DNA", prevista dall'accordo di Prüm ratificato dal Parlamento italiano.

In Italia il fenomeno delle persone scomparse ha dimensioni rilevanti e coinvolge migliaia di famiglie. Secondo i numeri dell'Ufficio del Commissario straordinario del Governo le persone scomparse dal 1974 a oggi sono oltre 25mila, di cui più di 10mila minori, mentre i cadaveri non identificati ammontano a circa 800.

Scheda di presentazione del Ri.Sc