Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Inpdap: nuove regole per prestiti e mutui

In vigore dal 1° luglio 2010 i nuovi Regolamenti per la concessione di piccoli prestiti, prestiti pluriennali e mutui ipotecari ai dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria autonoma della prestazioni creditizie e sociali.

Le nuove regole migliorano il servizio nel suo complesso e garantiscono l’accesso al Credito alle fasce più bisognose. Sarà possibile richiedere piccoli prestiti fino a sei mensilità senza documentazione di spesa, prestiti pluriennali diretti di durata quinquennale o decennale per documentate necessità e mutui ipotecari per acquisto prima casa.

 

L’Inpdap offre finanziamenti a tassi agevolati per i lavoratori, i pensionati e le loro famiglie. Questi sono erogati direttamente dall’Istituto oppure da banche e società finanziarie in convenzione.

Nel primo caso, si tratta di prestiti e mutui che l’Inpdap finanzia con un proprio Fondo credito: la Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali. Nel secondo, invece, i finanziamenti sono erogati da banche e società finanziarie, sulla base di convenzioni stipulate con l’Istituto.

Il Fondo credito è alimentato dalla contribuzione obbligatoria degli iscritti Inpdap e da quella volontaria di pensionati Inpdap e lavoratori e pensionati pubblici iscritti, ai fini previdenziali, ad altri enti o istituti (decreto ministeriale 45 del 2007) che aderiscono a tale Fondo.

L’iscrizione al Fondo credito permette:

  • agli iscritti Inpdap e ai lavoratori e pensionati pubblici di altre amministrazioni di accedere a tutte le prestazioni creditizie, dirette e in convenzione;
  • ai pensionati Inpdap di accedere alle prestazioni creditizie direttamente erogate dall’Istituto (piccolo prestito, prestito pluriennale diretto e mutuo ipotecario).

I pensionati Inpdap, indipendentemente dall’iscrizione al Fondo, possono comunque accedere alle prestazioni creditizie convenzionate. Con delibera n. 167 del 10 marzo 2010, il Commissario straordinario ha approvato i nuovi regolamenti per l’erogazione dei prestiti agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, che entreranno in vigore a decorrere dal 1° luglio 2010.

Tra le novità previste per i prestiti:

  • abolizione del piccolo prestito quadriennale;
  • fissazione del tetto di € 8.000 per il piccolo prestito triennale;
  • fissazione di tetti massimi di importo erogabile per i prestiti pluriennali;
  • applicazione nuovi tassi di interesse.

Tra le novità per i mutui ipotecari:

  • introduzione del meccanismo della graduatoria (con possibilità di presentare le domande dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio e dal 1° al 10 settembre);
  • abolizione della prestazione mutui alle cooperative di iscritti;
  • esclusione della possibilità di concedere il finanziamento a coloro che siano già proprietari di immobili nel territorio nazionale;
  • applicazione nuovi tassi di interesse.

Le nuove norme regolamentari entreranno in vigore dal 1° luglio 2010.

Fino al 30 giugno 2010 è possibile presentare le domande secondo il vigente Regolamento tramite la Modulistica presente sul sito.