Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Pronta la carta d'identità del particolato di Milano
Risultati del Progetto Tosca presentati alla UniBicocca-PM10 estivo ricco di endotossine batteriche

I processi infiammatori a carico del polmone sono indotti principalmente da PM10 estivo ricco di endotossine batteriche. Il particolato fine (PM2.5) invernale, ricco di idrocarburi, causa alterazioni nel DNA delle cellule polmonari. Le particelle ultrafini (PM 1) sono responsabili di effetti cardiocircolatori e di alterazioni funzionali in altri organi.

Sono questi alcuni dei risultati principali della 'carta d'identita« del particolato di Milano presentati questa mattina all'Università Bicocca nell'ambito della seconda parte del Progetto Tosca (Tossicità del particolato atmosferico e marker molecolari di rischio) realizzato dal Centro Polaris (Polveri in Ambiente e Rischio per la Salute) del dipartimento di Scienze dell'Ambiente e del Territorio dell'Università di Milano-Bicocca e finanziato da Fondazione Cariplo.

Il progetto, che dura complessivamente tre anni, è articolato in quattro parti: caratterizzazione del particolato atmosferico, sperimentazione biologica, risultati clinici e epidemiologia. Dai dati medici, in particolare, risulta che il PM induce uno stato infiammatorio polmonare e sistemico, con l'attivazione significativa di fenomeni coagulatori. Questo si riflette in un incremento del numero dei ricoveri sia per patologia respiratoria sia per patologia cardiovascolare. (Red-Mil/Zn/Adnkronos) 09-LUG-10 13:53 NNN

 

Il Progetto polaris nella realta' metropolitana milanese

Aggiornamento 9/7/2010

 

Leggi altri articoli sull'argomento  >>1   >>2   >>3