Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Uno strumento di ricerca utile per le indagini sugli incidenti stradali
Banca Dati Sinistri ISVAP, dal 2011 aggiornati i parametri consultazione sinistri

Il 1° gennaio 2011 entrerà in vigore il provvedimento ISVAP n.209, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 7 settembre 2010, che introduce i parametri di significatività necessari per effettuare ricerche nella banca dati dei sinistri.
Un'agenzia di assicurazione può far scattare gli accertamenti per individuare eventuali frodi qualora dalla consultazione della banca dati venisse riscontrato un risultato sospetto.
L'allegato 1 al Provvedimento contiene gli indicatori per consultare la banca dati, sia sulla persona fisica che sulla targa del veicolo.
Per quanto riguarda le informazioni sulla persona fisica, il sospetto di frode può scattare se: la persona risulta proprietario, contraente, testimone o conducente di un veicolo coinvolto o danneggiato in almeno 3 sinistri avvenuti in 18 mesi; se figura negli ultimi 5 anni almeno in un incidente nel quale la persona ha riportato successivamente lesioni superiori al 9% di invalidità senza che sia stato richiesto l'intervento delle forze di polizia; se in 2 incidenti avvenuti in 18 mesi ha riportato lesioni fisiche, o se compare con un ruolo di medico incaricato in 2 sinistri nei quali la stessa persona abbia riportato lesioni; se compare in un incidente avvenuto nei 15 giorni successivi alla data di decorrenza della polizza o negli ultimi 15 giorni di operatività della garanzia, e in altri casi.
La consultazione della banca dati può essere effettuata anche per ottenere informazioni sulle targhe dei veicoli coinvolti in un sinistro. In questo caso, il sospetto di frode può manifestarsi qualora la targa compaia: in 3 incidenti verificatisi in 18 mesi; in un incidente per il quale la denuncia o la richiesta di risarcimento è stata formulata con un ritardo di 6 mesi; in un incidente in seguito al quale risulti che il veicolo sia stato distrutto; in un sinistro in cui sono rimasti coinvolti almeno 3 trasportatori che hanno riportato lesioni; in un incidente per il quale i danni al veicolo non coincidono con la dinamica dell’incidente; in un incidente avvenuto nei 5 giorni successivi alla data di decorrenza della polizza o negli ultimi 15 giorni di operatività della garanzia. (agg.10/9/2010)

Leggi anche :

REGOLAMENTO N. 31 DEL 1 GIUGNO 2009 RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI SINISTRI DI CUI ALL'ARTICOLO 135 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 - CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE.