Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Cause per incidenti stradali: dubbi sulla buona fede dei testi

Il Sole 24 Ore  del 20/9/2010, ha svolto un'indagine sulle cause che arrivano ai giudici di pace, sottoponendo a ventisei giudici di Milano e ai coordinatori degli uffici di Roma, Napoli e Firenze un questionario sulla loro attività.

Per quanto riguarda le cause relative agli incidenti stradali, è molto diffusa la perplessità sulla buona fede dei testimoni.

A Milano, per esempio, sono 21 (su 26 intervistati) i giudici di pace che hanno dichiarato di avere avuto dubbi del genere. Sempre a Milano, uno soltanto ha esplicitamente ammesso di avere sempre il sospetto di trovarsi davanti a un testimone falso; solo 4, invece, hanno affermato di non avere avuto mai alcuna perplessità.

A Roma, i dati sono stati raccolti dal coordinatore dei giudici di pace: se ne ricava che l'affidabilità dei testi è posta in seria discussione, quando ci sono di mezzo i risarcimenti danni a seguito di sinistri. Così a Firenze, dove comunque i casi sospetti sono stati segnalati alla procura della Repubblica.

Solo a Napoli, la coordinatrice dei giudici di pace afferma di non aver mai nutrito dubbi sulla sincerità dei testimoni. Ma Napoli è anche, secondo le ricerche ANIA, la città ai primi posti nella classifica delle truffe alle assicurazioni.