Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Bruxelles, 13-14 ottobre 2010
Terza giornata europea della sicurezza stradale

  • Mercoledì 13 ottobre

        Sicurezza delle infrastrutture - conferenza della Commissione europea

        Programma pdf - 19 KB [19 KB

  • Giovedì 14 ottobre

        Applicazione transfrontaliera della legislazione - seminario della presidenza belga

        Programma pdf - 105 KB [105 KB]

  • Entrambi gli eventi si svolgeranno nella sala JAN2Q2 presso la sede del Parlamento europeo a Bruxelles.
  • Registration

 

L'obiettivo di questi due eventi è sensibilizzare l'opinione pubblica, presentare le migliori pratiche nazionali e locali e rafforzare la cooperazione per rendere più sicure le strade europee.

13 ottobre – conferenza della Commissione

Dopo la presentazione dei nuovi orientamenti della Commissione per la sicurezza stradale per il periodo 2011-2020, saranno discussi i seguenti temi:

  • i feriti della strada
  • le difficoltà incontrate dagli utenti della strada (anziani, ciclisti, motociclisti, guida in stato di ebbrezza e sotto l'effetto di farmaci)
  • infrastrutture più sicure.

14 ottobre – seminario della presidenza belga

Come migliorare la collaborazione fra la polizia e i tribunali nei vari paesi dell'UE per lottare contro le infrazioni del codice della strada.

Villaggio europeo della sicurezza stradale pdf - 675 KB [675 KB]

Questo villaggio, che comprenderà stand di informazione e dimostrazioni per il pubblico, sarà allestito sul piazzale del Parlamento europeo il 13 e 14 ottobre 2010.

Per rendere le nostre strade più sicure si punta a conciliare comportamenti responsabili da parte dei conducenti, qualità dell'infrastruttura stradale e sicurezza dei veicoli.

Nel 2009 sono morte sulle strade dell'UE circa 35 000 persone, oltre un terzo in meno rispetto al 2001. Questo calo, seppur significativo, non può certo essere considerato motivo di vanto. In una recente indagine Englishfrançais condotta dall'UE sulla sicurezza stradale in Europa la maggior parte degli intervistati afferma che si dovrebbe fare di più per ridurre il numero degli incidenti.

Tra le principali cause degli incidenti mortali figurano l'alta velocità, il consumo di alcol e il mancato uso delle cinture di sicurezza. Ma pongono rischi inutili anche la scarsa manutenzione delle strade e l'insufficiente sicurezza dei veicoli.

I nuovi orientamenti per la sicurezza stradale , proposti lo scorso mese di luglio dalla Commissione, riguardano in primo luogo la formazione dei conducenti e il rispetto del codice della strada. Sottolineano anche la necessità di strade migliori, specie nelle aree rurali ed urbane, dove si verifica la maggior parte degli incidenti.

Le automobili potrebbero diventare più sicure mediante l'uso di tecnologie intelligenti, come i sensori che segnalano l'uscita di carreggiata del veicolo.

Ogni anno i motociclisti, che rappresentano solo il 2% degli utenti della strada, restano coinvolti nel 17% degli incidenti mortali. Dispositivi come sistemi di frenaggio avanzati potrebbero accrescere la sicurezza di moto e ciclomotori.

Per il terzo anno consecutivo, il 13 ottobre si celebra la Giornata europea della sicurezza stradale. Quest'anno la Commissione illustra i nuovi orientamenti per il prossimo decennio, ribadendo l'impegno preso nel 2001 di ridurre il tasso di mortalità sulle strade europee del 50%.

Per la presidenza belga dell'UE questa giornata sarà l'occasione di presentare a Bruxelles alcune delle iniziative condotte in tutta Europa per contrastare le più frequenti infrazioni del codice della strada.

Per saperne di più sulla sicurezza stradale in Europa