Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Dal 9 febbraio 2011 entrano in vigore i nuovi limiti di guida per i neopatentati

Dal 9 febbraio 2011 entra il vigore l'articolo 117 del Codice della strada che impone agli automobilisti titolari i di patente categoria B specifici limiti per la guida di veicoli di determinata potenza.
Per il primo anno, dopo il rilascio della patente B, non è consentita la guida di autoveicoli che hanno una potenza, riferita alla tara, superiore a 55 kW/t.

Nel caso di veicoli di categoria M1 (adibiti al trasporto di persone con al massimo 8 posti a sedere oltre il conducente), si applica un ulteriore limite di potenza massima pari a 70 kW.
Lo scopo della normativa è evitare che i neopatentati guidino veicoli particolarmente potenti e veloci.
Il nuovo limite non si applica ai veicoli adibiti al servizio di persone invalide (autorizzate ai sensi dell'art. 188) purché la persona invalida sia presente in auto.
I nuovi limiti di potenza si applicano a coloro che conseguono la patente B dal 9 febbraio 2011 (o a chi la consegue nuovamente dopo una revoca), non a chi ha conseguito la patente in una data precedente.
Per i primi tre anni dal conseguimento della patente B, il limite di velocità è di 100 km/h per le autostrade e di 90 km/h per le strade extraurbane principali.

Ora con il limite massimo fissato comunque a 70 kw dovrebbe essere superata l'incongruenza per la quale mentre lo spirito della norma è quello di evitare che i neopatentati guidino veicoli particolarmente potenti e veloci, accadeva che potessero essere però guidate vetture grandi e potenti ma pesanti, mentre ricadevano nel divieto le vetture di potenza media, per il rapporto particolarmente sfavorevole nel peso potenza.

Inoltre fatto salvo quanto previsto dall'articolo 120 del codice della strada il divieto si allunga a 3 anni per le persone destinatarie del divieto di cui all'articolo 75, comma 1, lettera a), del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309 (Chiunque illecitamente importa, esporta, acquista, riceve a qualsiasi titolo o comunque detiene sostanze stupefacenti o psicotrope ecc.).

Divieto che difficilmente potrà essere fatto rispettare in autostrada col tutor visto che il conducente non viene fermato nel momento dell'infrazione.

(aggiornamento del 14 gennaio 2011)