Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Sez.III civile Ordinanza n.26568/2010
Sinistri stradali: concorso di colpa per il mancato uso del casco protettivo

Con l'ordinanza n. 26568/10 la Corte di Cassazione ha confermato un principio di diritto ormai consolidato: in caso di incidente stradale, per il motociclista danneggiato che non indossava il casco protettivo si può configurare il concorso di colpa per il danno causato a se stesso e, di conseguenza, la somma dovuta a titolo di risarcimento del danno potrà eventualmente essere ridotta. Secondo la Suprema Corte, infatti, l'omesso uso del casco protettivo da parte del conducente di un motociclo può essere fonte di corresponsabilità della vittima di un sinistro stradale per il danno causato a se stessa, nel caso in cui il giudice di merito accerti in fatto che la suddetta violazione abbia concretamente influito sulla eziologia del danno, costituendone, appunto, un antecedente causale.