Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Auto blu e costi della politica

Il Corriere della Sera del 24/6/2011 ha pubblicato (ma forse anche altri quotidiani) il cd documento “anti-privilegi” di Tremonti. Come vedete qui sopra, l’articolo 2 è dedicato alle “auto blu”. La cilindrata delle auto non può superare i 1600 cc.

Perchè non guidare con l’esempio e inserire, invece della cilindrata,  un indicatore di efficienza ambientale? Che ne so, le auto non devono emettere più di 100 g/km di CO2? In questo modo rientrerebbero i veicoli elettrici, ibridi convenzionali e ibridi elettrici, le auto ad alimentazione alternativa.

E perchè non si inserisce anche qualche elemento di sicurezza? Del tipo, le auto in dotazione dello Stato devono essere dotate di ESP e di almeno un’altra tecnologia di sicurezza di tipo avanzato e devono aver raggiunto 5 stelle nei testi EuroNCAP.

La Pubblica Amministrazione può rappresentare un importante stimolo per la diffusione di veicoli sicuri e ambientalmente sostenibili. Parlare solo di cilindrata non superiore a 1600 cc è davvero d’altri tempi. Chi vuole innovare deve osare qualcosa di più…..

24/6/2011 Grazie a Luca Pascotto