Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Anci: "Si approvi rapidamente la legge di riforma della polizia locale"
Esiti del Convegno Anci alla Camera dei Deputati

“La legge di riforma della polizia locale è la via maestra e ci auguriamo come sindaci che venga approvata rapidamente. Ma tutto quello che serve a migliorare la situazione attuale, dando ai Comuni migliori strumenti di contrasto al degrado urbano, è ben gradito”. Lo afferma il presidente dell’Anci Graziano Delrio che rinnova l’invito al governo a “tenere fuori dal patto di stabilità le risorse necessarie alla sicurezza, in particolare per le assunzioni dei vigili urbani”.

Per Delrio, intervenuto al convegno organizzato oggi alla Camera dall’Associazione, soprattutto dopo la sentenza della Corte costituzionale sul potere di ordinanza (la ricerca presentata da Anci-Cittalia), “serve un’interpretazione condivisa del quadro delle regole, che parta dal modello dei regolamenti di polizia urbana”.

Sul terreno più concreto Delrio condivide la necessità sottolineata dal ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri di strumenti più incisivi nel contrasto della prostituzione: “Sono fenomeni che ad oggi - sottolinea - non trovano soluzione”.
Ritornando poi sull’invito del sindaco di Padova, Flavio Zanonato, di agire con più incisività sul terreno dell’integrazione degli immigrati, il Presidente denuncia: “Il tema dell’immigrazione, in quanto tema di integrazione sociale, avrebbe bisogno di un finanziamento che è stato completamente rimosso: i Comuni sono stati lasciati soli di fronte a questo fenomeno”.

In conclusione per Delrio sul versante della sicurezza urbana, “c’è molto materiale su cui lavorare, la sentenza della Corte ha fatto chiarezza, ma c’è necessità di trovare gli strumenti per continuare a prevenire il degrado urbano e garantire maggiore sicurezza ai nostri cittadini”. (gp)

(fonte: Anci 1/3/2012)