Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Incidenti stradali:dal 20 marzo 2012 al via la mediazione
D.Lgs 4 marzo 2010, n.28

Per alleggerire la quantità di controversie sulle spalle dei tribunali italiani e dare agli automobilisti l'opportunità di evitare tempi lunghissimi della giustizia italiana, d'ora in poi ci si potrà rivolgere direttamente al giudice passando attraverso la mediazione civica.

Questa mediazione, andrà presentata con un'istanza ad un organo di mediazione reperibile da un elenco pubblicato sul sito del ministero della Giustizia. Avviare la pratica costa 40 euro ai quali poi vanno aggiunte le spese per la mediazione che a seconda dei casi variano dai 65 ai 9 mila euro.

Dopo la presentazione dell'istanza il conciliatore ha 15 giorni per convocare le parti. Se da lì il tentativo di mediazione fallisce e l'accordo non si trova, ci si può sempre rivolgere al giudice, che però dovrà prendere in considerazione l'esito della mediazione.

Il tentativo di conciliazione è lo strumento di definizione delle controversie capace di offrire, quando possibile, soluzioni più spedite, agevoli ed economiche alle liti e di ridurre il contenzioso giurisdizionale.
L'attività di mediazione e conciliazione può essere svolta unicamente da organismi accreditati presso il Ministero della giustizia e inseriti nel Registro degli organismi di mediazione ai sensi dell'art. 16 del decreto legislativo  28/2010.
In base al decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28 "Attuazione dell'articolo 60 della legge 18 giugno 2009,  n. 69, in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali" e al decreto del ministro della giustizia 18 ottobre 2010 n.180 "Registro degli organismi di mediazione e elenco dei formatori per la mediazione ", il Direttore generale della giustizia civile del Dipartimento degli affari di giustizia è responsabile della tenuta del registro degli organismi autorizzati a gestire i tentativi di conciliazione.


Con Provvedimento del 4 novembre 2010 sono stati approvati i nuovi modelli di domanda per l'iscrizione al registro degli organismi di mediazione e all’elenco degli enti formatori per la mediazione.
Il Direttore generale della giustizia civile del Dipartimento degli affari di giustizia è anche responsabile della tenuta dell' Elenco degli enti abilitati a tenere corsi di formazione per mediatori.


Ai sensi dell'art. 4 del decreto ministeriale 18 ottobre 2010 n.180, il Direttore generale verifica, tra l'altro, i requisiti di qualificazione dei mediatori i quali, per poter essere iscritti nell'elenco di un organismo di mediazione, devono possedere una specifica formazione acquisita presso gli enti di formazione di cui all'art. 18 dello stesso decreto ministeriale.
Pertanto, solo gli enti di formazione accreditati presso il Ministero della giustizia sono autorizzati a tenere ed attestare il superamento di corsi di formazione per mediatore.

 
            Registro Organismi di mediazione                                      Elenco Enti di formazione mediatori