Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Multe, sconto se si paga subito
Il provvedimento potrebbe essere approvato entro l'estate e diventar legge entro l'anno

Uno "sconto" tra il 10-20% per chi si ritrova la multa sul cruscotto dell'auto e decide di pagarla subito via bancomat. «L'idea "bipartisan"- spiega il capogruppo del Pd in commissione Trasporti alla Camera, Michele Meta - di una norma ad hoc con sconti da definire ma tra il 10 e il 20% è emersa nella discussione in commissione Trasporti sulla delega al governo per la riforma del codice della strada». E non è detto che resti solo un'ipotesi: «sullo sconto agli automobilisti meno fortunati c'è un orientamento unanime. - spiega Meta - Già ne avevamo parlato in discussione generale e la riteniamo giusta».

I tempi sarebbero strettissimi: il sì al "taglia-multe", come è stato ribattezzato, almeno della Camera potrebbe arrivare entro la pausa estiva. «Stiamo pensando - spiega il presidente della commissione Mario Valducci (Pdl) - a una proposta sulla quale procedere in legislativa con tre o quattro punti tra cui questo per avere un ok in tempi rapidi alla Camera e far sì che diventi legge entro l'anno».

Valducci parla di un'ipotesi di sconto per chi paga subito la multa del 10%. In Italia - spiega Valducci - su 100 multe fatte quelle realmente incassate sono 20 con annesse le spese per incassarle, per cui si tratta di un dispendio di risorse enorme. Trovando un meccanismo in cui i Comuni e lo Stato incassano subito ma con uno sconto per chi ha commesso l'infrazione può essere un bene sia per lo Stato, visto che ogni anno dalle multe arriva un incasso di 2 miliardi, sia per il cittadino al quale viene data la possibilità di uno sconto. Il taglia-multe potrebbe così "alleggerire il conto" ormai "monstre" a carico degli automobilisti che tra caro-benzina, caro-assicurazioni e aumenti vari si trovano a pagare sempre di più. E le multe scontate potrebbero aiutare.

Secondo gli ultimi dati forniti dall'Aci i comuni capoluogo hanno incassato dalle multe stradali nel 1,14 miliardi di euro nel 2010 e le famiglie italiane hanno speso 170 miliardi di euro per l'auto nel 2011. Sul versante delle infrazioni rilevate dalla e polizie locali nei comuni capoluogo nel 2010 è stato l'articolo 7 del codice della strada il meno rispettato. Obblighi, divieti e limitazione della circolazione nel centro abitato sono stati contestati ai cittadini con 8 milioni e 541mila casi messi a verbale. La fermata e la sosta fuori dentro i centri abitati sono il secondo tipo di infrazione più effettuata con 2 milioni e 747 mila multe. Il superamento dei limiti di velocità si attesta terzo nell'elenco delle trasgressioni degli automobilisti con 500.350 contravvenzioni. Ultimo in graduatoria il mancato rispetto dell'età massima e dei requisiti per la guida: 1.600 casi in tutto. Insomma uno sconto sulle multe sarebbe molto gradito.

fonte: La Stampa 10/7/2012