Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

SCIOPERO GENERALE IL 28 SETTEMBRE
UIL e CGIL proclamano la giornata di sciopero contro il Governo

 

L’atteggiamento del Governo che ha praticamente ignorato le richieste delle organizzazioni sindacali sulle politiche del lavoro, sulla riforma delle pensioni, dei risparmi, della riorganizzazione del settore dei servizi pubblici, la mancanza di equità delle varie manovre che non hanno ridotto minimamente i costi della politica,  ha portato alla proclamazione, da parte della UIL e della CGIL dello

SCIOPERO NAZIONALE DI TUTTI I SERVIZI PUBBLICI

 nella giornata del 28 Settembre.

 

 

Comunicato Stampa

“Una vera perdita di tempo” così Giovanni Torluccio, Segretario Generale della UIL-FPL definisce l’incontro di oggi tra il Governo e le OO.SS. “L’incontro non ha modificato il nostro giudizio totalmente negativo sulle misure adottate nel decreto sulla spending review, ma anzi conferma il nostro timore che questo Governo non ha intenzione di fornire strumenti e soluzioni positive per i lavoratori pubblici nè tantomeno reali prospettive per la stabilizzazione dei precari. Dimostrazione ne è anche l’assenza al tavolo di rappresentanti delle Regioni, dell’UPI e dell’ANCI, controparti datoriali per i lavoratori della sanità e delle autonomie Locali, che la UIL-FPL rappresenta” continua Torluccio, che afferma “più che preoccuparsi di veti inesistenti, suggerirei al Ministro di concertare le scelte che ricadono prepotentemente sul futuro di migliaia di dipendenti pubblici .Non possiamo continuare ad essere marionette: è necessario il coinvolgimento dei sindacati sin dal primo momento, così come stabilito nell’accordo del 3 maggio u.s., che non è stato mai attuato.” “Non siamo più disposti-conclude Torluccio- a subire ciò che decide questa politica. Pur confermando lo sciopero del 28 settembre p.v., continueremo responsabilmente ad essere presenti ai tavoli ministeriali, ma senza nutrire speranze per un serio confronto, finora sapientemente eluso.”

4 settembre 2012

PROCLAMAZIONE SCIOPERO NAZIONALE

Oggetto: Proclamazione sciopero nazionale del 28 settembre 2012 dei Comparti della Sanità, delle Regioni e Autonomie Locali, dei Ministeri, degli Enti Pubblici non Economici, delle Agenzie Fiscali, della Presidenza del Consiglio, dell’Area 1 della dirigenza dei Ministeri, dell’Area 2 della dirigenza delle Regioni e Autonomie Locali, dell’Area 3 della dirigenza Amministrativa, Sanitaria, Tecnica e Professionale, dell’Area 4 della dirigenza medica e veterinaria, dell’Area 6 della dirigenza degli Enti Pubblici non Economici e delle Agenzie Fiscali, dell’Area 8 della dirigenza della Presidenza del Consiglio, del CNEL, dell’ENAC, di UNIONCAMERE, dei Segretari Comunali e Provinciali, dei Vigili del Fuoco e del DIGIT P

Le scriventi Segreterie nazionali comunicano per i Comparti in oggetto, ai sensi e per gli effetti della Legge 146/1990 e successive modifiche e integrazioni,  lo sciopero nazionale proclamato dalla FP CGIL - UIL FPL – UIL PA per il 28 settembre 2012.

 Lo sciopero si effettuerà, per l’intera giornata o turno di lavoro.

 Nella predetta giornata saranno garantiti solo i servizi minimi essenziali.

 

FP-CGIL                           UIL-FPL                           UIL-PA

     R. Dettori                           G. Torluccio                         B. Attili        

 

volantini sciopero:

Spending review

manifesto sciopero

abbiamo già dato