Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Una Settimana con i vigili a proteggere i pedoni. E le strisce pedonali?
Iniziative a tutela dei pedoni nella settimana mondiale della sicurezza stradale

 

 

Si avvicina la Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale (6-12 maggio) e iniziano a trapelare notizie sulle iniziative che vedremo in quei giorni.

Non mancherà quella dell'Anci, l'associazione dei Comuni, che dall'anno scorso ha cominciato a organizzarsi per far recuperare un po' d'immagine ai sindaci, sempre accusati di fare solo cassa con la scusa della sicurezza stradale.
Ovviamente a noi non interessa tanto l'immagine, quanto la realtà.

Dunque va bene che l'Anci, assieme al ministero delle Infrastrutture, stiano cercando di stimolare i Comuni ad assumere impegni concreti almeno per la Settimana, come richiesto dalle Nazioni Unite.
 

Ad oggi hanno aderito varie amministrazioni comunali, tra cui quelle di Roma, Milano, Bologna e Torino. L'impegno che hanno preso è raccogliere alla fine della Settimana (come concordato con tutti gli altri Paesi) i dati degli incidenti che hanno coinvolto i pedoni.

Ovviamente, anche se non viene dichiarato in modo esplicito, l'intento dell'iniziativa non è solo statistico. Sembra chiaro che si cercherà in tutti i modi possibili di avere meno incidenti. Quindi, dovrebbe essere rafforzata la sorveglianza a protezione dei pedoni. Per esempio, in corrispondenza dei passaggi pedonali. E qualcuno potrebbe essere multato anche quando non dà la precedenza a un pedone che solo "si accinge ad attraversare", come il Codice della strada prevede da tre anni con una modifica sostanzialmente inapplicabile e inapplicata.

Sarebbe ancora meglio se si cogliesse l'occasione almeno per dare una rinfrescata a tante strisce pedonali ormai sbiadite. Oppure verniciate male e ridotte peggio. O posizionate senza criterio: ce ne sono, come ha dimostrato più volte l'iniziativa Euro Test degli Automobile Club (e ciò in Italia è paradossale, perché i criteri di valutazione Euro Test sono stati partoriti proprio dal nostro Aci). Ma qui tocchiamo qui anche il delicato tasto degli appalti pubblici (e della relativa corruzione), riaffiorato non a caso la settimana scorsa (ancora una volta) a Milano (vedete su http://paoblog.net/2013/04/16/milano-buche/).

fonte : Strade sicure di Maurizio Caprino 20/4/2013