Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Trasmissione online dati sanitari e rischio
Dal 22 maggio applicativo-test per medici competenti

ROMA -Trasmissione informatizzata dati sanitari e di rischio dei lavoratori. Pubblicata il 13 maggio sul sito del Ministero del Lavoro una nota (ALLEGATO II AL D.M. 9.7.2012 (ALLEGATO 3B DEL D.LGS. 81/08 ) riguardante l’attivazione a partire dal 22 maggio di un applicativo web sperimentale che intende supportare i medici compententi nei nuovi adempimenti riguardanti la comunicazione dei dati.

L’applicativo riguarda il recente obbligo nella trasmissione dei dati aggregati di rischio introdotto dal decreto 9 luglio 2012.

A partire dal 22 maggio 2013 l’applicativo sarà online e ospitato dal sito dell’Inail, e sarà un numero zero dal quale il Ministero ricaverà valutazioni su eventuali miglioramenti da apportare al sistema. Per tale motivo verranno momentameamente sospese le sanzioni rientranti nelle attività in esame.

“Considerato che il termine per la trasmissione dei dati aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria, relativi all’anno 2012, come previsto dal citato Allegato II del D.M. 9 luglio 2012, è fissato al 30 giugno 2013 e tenuto conto che l’invio di tali dati rientra nella fase di sperimentazione del sistema, e conseguentemente delle possibili difficoltà di raccolta e trasmissione telematica delle informazioni, la sanzione per il medico competente, di cui all’art. 58, comma 1, lettera e) del D.Lgs. n. 81/2008 è sospesa per l’intero periodo di sperimentazione“.

“Al termine della fase di sperimentazione, i Ministeri del Lavoro e delle Politiche Sociali, della Salute, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano, con INAIL e congiuntamente con le Società scientifiche SIMLII ed ANMA, analizzeranno e valuteranno i risultati complessivi acquisiti con l’obiettivo di individuare modalità e contenuti per il miglioramento del sistema operativo”.