Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

In Italia circa 1 mezzo su 10 circola sprovvisto di assicurazione
Controlli resi più difficoltosi per le carenze di organico ed i compiti diversi da quelli di istituto ?

Sulle strade e autostrade d'Italia circolano auto, moto, camion e pullman turistici sprovvisti di assicurazione. Non è in regola un mezzo su 10, nel 2005 erano 1,5 milioni

Su strade e autostrade d'Italia circolano oltre 4 milioni di auto, moto, camion e persino pullman turistici senza assicurazione. Circa un mezzo su dieci. Un fenomeno che con la crisi sta diventando colossale. Nel 2005 si potevano stimare meno di un milione e mezzo di veicoli privi di una polizza: quel numero è quasi triplicato.

La stima dei 4,4 milioni di veicoli senza assicurazione nel 2012 la fornisce l'incrocio dei dati Ania (l'associazione degli assicuratori) e con quelli dell'Aci sui veicoli immatricolati, conteggiando un 5 per cento in più di assicurazioni on line con sede all'estero, non monitorate dalla stessa Ania.

A Roma nell'ottobre scorso Comune, Polizia, Anci ed Ania hanno eseguito controlli alle auto che transitavano sotto le telecamere ai varchi dello Ztl nel centro storico: il 9% delle auto e il 15% dei motocicli erano senza assicurazione; il 2% di autobus e pullman risultavano senza copertura.

Anche gli agenti del Radiomobile di Milano hanno fatto la loro indagine: ogni cinque auto fermate una non era assicurata. Il doppio rispetto a due anni fa. L'Ania dichiara che il problema è più diffuso dove maggiori sono le frodi assicurative: Campania, Puglia, Sicilia e Lazio.

continua.... ( 13/5/2013)