Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Assenze per visite specialistiche od esami diagnostici
L'ARAN emana parere sull'argomento

Pubblichiamo un recente parere dell' ARAN sulle assenze per visite specialistiche od esami diagnostici di durata inferiore alla giornata lavorativa.

Avevamo previsto con largo anticipo la confusione che si sarebbe creata sull'argomento (vedi documento del 19/11/2013)  ma, stavolta, c'è chi da MOLTO spazio alla propria fantasia!!!

SECONDO L’ARAN INVECE CHE ASSENZA PER MALATTIA POTREBBERO ESSERE CONSIDERATI PERMESSI BREVI AI SENSI DELL’ART.20 DEL CCNL 6/7/1995 (CHE I DIPENDENTI POSSONO UTILIZZARE ANCHE PER MILLE ALTRI MOTIVI) OVVERO ASSENZE A RECUPERO!!!!!

MENO MALE CHE LA SCELTA VIENE LASCIATA AL DIPENDENTE…..

NOI EVITEREMO DI COMMENTARE.

Ecco il testo del parere:

Le assenze per visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici per durata inferiore alla giornata lavorativa, opportunamente certificate, possono considerarsi assenze per malattia (malattia ad ore)? - Parere Aran 11/2/2014, n. RAL_1674 dell’11/2/2014

 

Le assenze per visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici per durata inferiore alla giornata lavorativa, opportunamente certificate, possono considerarsi assenze per malattia (malattia ad ore)?

L’art. 21 del C.C.N.L. del 6.7.1995, come già evidenziato in precedenti orientamenti applicativi, non prevede in alcun modo la possibilità di frazionare ad ore l’assenza per malattia nell’arco della giornata.

Si deve, poi, ricordare che, di recente, il legislatore è intervenuto a regolamentare direttamente anche la materia delle assenze per visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici, con la nuova formulazione dell’art.55-septies del D.Lgs.n.165/2001, derivante dalle modifiche recate dall’art.16, comma 9, del D.L.n.98/2011, convertito nella legge n.111/2011.

In particolare l’art. 55-septies, comma 5-ter, del d.lgs. 165/2001 stabilisce: “Nel caso in cui l'assenza per malattia abbia luogo per l'espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici l'assenza è giustificata mediante la presentazione di attestazione rilasciata dal medico o dalla struttura, anche privati, che hanno svolto la visita o la prestazione”.

In base a tale normativa, come evidenziato anche dalla circolare del Dipartimento della Funzione Pubblica n.10/2011, ai fini della giustificazione dell’assenza per visite o prestazioni specialistiche come assenza per malattia è sufficiente la presentazione da parte del dipendente della semplice attestazione rilasciata dal medico o dalla struttura anche privati che le hanno effettuate, senza alcun ulteriore adempimento o formalità aggiuntive (la giustificazione, ad esempio, che le medesime potevano essere effettuate solo in orari coincidente con quello di lavoro).

In tal modo, sono state superate anche alcune indicazioni più rigorose che, in mancanza di una precisa disciplina legale di riferimento, erano contenute anche negli orientamenti applicativi già formulati dall’ARAN in materia.

In luogo della assenza per malattia, per l’espletamento di prestazioni specialistiche ed accertamenti diagnostici, qualora siano di durata inferiore alla giornata, il dipendente può eventualmente avvalersi, sulla base di una propria autonoma valutazione, anche di un permesso breve a recupero.

Nell’ambito della disciplina del rapporto di lavoro del personale del Comparto Regioni-Autonomie Locali, i permessi brevi sono quei permessi che possono essere fruiti ad ore nel rispetto dei limiti e delle modalità stabilite nell’art. 20 del C.C.N.L. del 6.7.1995.

Proprio in considerazione della natura e delle caratteristiche di tale tipologia di permessi, si ritiene che non vi siano particolari impedimenti giuridici, di natura legale o contrattuale, a che il lavoratore decida, autonomamente e volontariamente, di fruire degli stessi, nell’osservanza della disciplina contrattuale, anche per sottoporsi a visite specialistiche o ad esami diagnostici.

È evidente, peraltro, che proprio perché si tratta di permessi ad ore ammessi espressamente dalla disciplina negoziale, che ne detta anche le specifiche modalità di fruizione, essi non possono in alcun modo essere sovrapposti o ricondotti alla regolamentazione delle assenze per malattia.

Al fine di evitare ogni possibile ulteriore dubbio interpretativo, si precisa anche che per “permessi brevi” non si possono intendere anche i permessi retribuiti disciplinati dall’art.19 del C.C.N.L. del 6.7.1995.

Infatti, i 3 giorni di permesso per motivi personali, di cui al comma 2, del suddetto art.19 del C.C.N.L. del 6.7.1995 non possono essere fruiti ad ore.

 

 Per completezza riportiamo il testo della norma contrattuale citata:

CCNL 6/7/1995 

 

Art. 20 Permessi brevi

 1.  II dipendente, a domanda, può assentarsi dal lavoro su valutazione del dirigente preposto all'unita organizzativa presso cui presta servizio. Tali permessi non possono essere di durata superiore alla metà dell'orario di lavoro giornaliero, purché questo sia costituito da almeno quattro ore consecutive e non possono comunque superare le 36 ore annue.

2.  Per consentire al dirigente di adottare le misure ritenute necessarie per garantire la continuità del servizio, la richiesta del permesso deve essere effettuata in tempo utile e, comunque, non oltre un’ora dopo l'inizio della giornata lavorativa, salvo casi di particolare urgenza o necessità, valutati dal dirigente.

3.  Il dipendente è tenuto a recuperare le ore non lavorate entro il mese successivo, secondo modalità individuate dal dirigente; in caso di mancato recupero, si determina la proporzionale decurtazione della retribuzione.