Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Strisce blu, tornano le multe?
No: è solo il caos che resta

Stamattina presto ci sono cascati persino alcuni addetti ai lavori: leggendo i titoli dei giornali che parlavano di strisce blu, hanno capito che tornano le multe per chi continua a sostarvi dopo che gli è scaduto il ticket. Infatti, così i giornali di oggi hanno inteso il comunicato del ministero delle Infrastrutture emesso ieri sera al termine dell'incontro chiarificatore del ministro Lupi e del suo collega dell'Interno Alfano con l'Anci, rappresentata direttamente dal presidente Piero Fassino. Tre politici puri a parlare di una questione squisitamente tecnica, ma anche molto mediatica. Di qui la confusione, confermata anche dal vago comunicato fatto diramare da Fassino. E, di conseguenza, i titoli dei giornali, dove lavorano persone spesso dotate solo del comune buonsenso, estranee ai tecnicismi infernali di certe materie.

La verità è che i tre politici si sono sostanzialmente conformati come agnellini ai pareri resi a partire dal 2007 dai tecnici dei ministeri delle Infrastrutture e dell'Interno, che escludevano la multabilità in base al Codice della strada e ritenevano che l'unica penalità applicabile fosse quella eventualmente fissata dal Comune, come se fosse un normale proprietario di un parcheggio che fissa un regolamento cui i clienti aderiscono per il sol fatto di sostare. I comunicati di ieri sera questo ribadiscono.

Ma sorvolano sul punto più delicato: queste penali sono una partita fra privati, nel senso che il Comune può recuperare i soldi con gli stessi mezzi con cui voi potete farvi riavere i soldi che avete prestato al vicino di casa. Dunque, niente arsenale fatto di cartelle esattoriali, Equitalia eccetera. E questo ai Comuni non garba. Il fatto che Fassino di sia dichiarato soddisfatto della chiarezza fatta dall'incontro di ieri sera non cancella questo dato né la possibilità che i Comuni continuino ad applicare il Codice della strada, sfidando poi gli automobilisti che faranno ricorso: in quella sede, i giudici di pace faranno ciò che riterranno. La giurisprudenza sulla materia è molto controversa e la sentenza finora più autorevole l'ha fatta la Cassazione, in senso contrario all'interpretazione ministeriale. Insomma, massima incertezza e l'unica soluzione vera è quella di cambiare in qualche modo il Codice.

Non ci credete? Preferite stare alle parole di Fassino e dei ministri? Leggetevi allora il comunicato di www.poliziamunicipale.it, uno dei portali tecnici più qualificati per gli addetti ai lavori: a nome di tutti i vigili che operano su strada, chiedono ancora chiarezza. E non hanno torto.

AGGIORNAMENTO DEL 28 MARZO 2014, ORE 17,37: sulla necessità di rivedere il Codice ora concorda anche il ministro Lupi, che nel pomeriggio ha diffuso un altro comunicato, peraltro meno nebbioso del precedente che ha tratto in inganno i giornali.

fonte: Maurizio Caprino 28 marzo 2014