Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Aumento sanzioni infrazioni al Codice della strada
nuovi importi dal gennaio 2015

Dal 1° gennaio 2015 aumenteranno le sanzioni relative ad infrazioni del Codice della Strada, ma solo dell'1%. Il rincaro sembra essere il più misero di tutti i tempi, si tratta infatti dell'aumento biennale più basso in assoluto da quando nel 1993 è stato introdotto il sistema di aggiornamento delle sanzioni in base agli indici Istat. Gli italiani possono rincuorarsi alla notizia che anche le multe che prevedono sanzioni pecuniarie pesanti avranno subiranno un aumento di poco conto.

L’aumento infatti scatterà in virtù del meccanismo di aggiornamento delle sanzioni previsto dall’art. 195 del Cds, che modifica l’importo delle sanzioni pecuniarie ogni due anni in misura pari all’intera variazione, accertata dall’Istat, dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati verificatesi nei due anni precedenti.

La buona notizia è che per via degli arrotondamenti resterà invariato l’importo delle sanzioni più comuni, ovvero quelle per divieto di sosta fissate a 43,00 Euro e quelle per superamento del limite di velocità di non oltre 10 km/h. In generale, anche le sanzioni più pesanti non subiranno un grave rincaro.

Le multe per eccesso di velocità fino a 40 km/h ad esempio dovrebbero passare da 168,00 a 170,00 Euro, mentre per l’eccesso di velocità compreso tra i 40 km/h e i 60 si dovrebbe passare da 527 a 532 Euro. In buona sostanza gli aumenti riguardanti ciascuna sanzione oscillano tra i due e i quattro euro.

leggi la tabella dei nuovi importi