Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Aggressioni alla polizia: nella pesante statistica anche la POLIZIA LOCALE
Impiegati i poliziotti?

lunedì 16 febbraio 2015

Riportiamo la statistica delle aggressioni subite dalle Forze di Polizia nel 2014 secondo l'ASAPS.

DOSSIER "SBIRRI PIKKIATI": OLTRE 2MILA TRA POLIZIOTTI, CARABINIERI E VIGILI URBANI AGGREDITI NEL 2014. UN AGGRESSORE SU 5 È ARMATO

Oltre 2mila tra poliziotti e carabinieri sono finiti in ospedale, nel corso del 2014, per lesioni derivate da aggressioni subite durante i controlli effettuati su strada. Sono le cifre dell'osservatorio "Sbirri pikkiati" dell'Asaps, Associazione sostenitori e amici della polizia stradale.
Secondo il dossier, ogni quattro ore almeno un operatore tra poliziotti, carabinieri, agenti di polizia municipale, appartenenti ad altre forze di polizia o pubblici ufficiali in genere, è costretto a ricorrere a cure ospedaliere, spesso con pesanti conseguenze invalidanti, sia fisiche che psicologiche.
Le 2.266 aggressioni, - registrate dall'Asaps nel corso dell'ultimo anno e riferite ai controlli effettuati dalle forze di polizia su strada, con esclusione, quindi, di tutto ciò che riguarda la gestione dell'ordine pubblico - evidenziano un leggero calo rispetto alle 2.286 dell'anno precedente e le 2.290 del 2012. In 490 casi, pari al 21,6% del totale, spiega Asaps, l’a ggressore ha fatto uso di armi come bastoni, coltelli o crick, mentre in molti casi è stata utilizzata la stessa vettura per travolgere il poliziotto: dato in linea con quello del 2013 e del 2012, quando un’arma era stata usata rispettivamente nel 24,7% e nel 22,6% dei casi.
Secondo i dati resi noti dalla associazione, ad essere colpiti maggiormente sono i Carabinieri, con il 48,9% delle aggressioni a loro carico, seguiti dagli agenti della Polizia di Stato con il 33,3%, la polizia locale con il 10,9% e gli altri corpi con il 9,3%. L'unico dato in ascesa è quello della polizia locale, mentre risultano leggermente in calo quelli di Carabinieri e Polizia. Diffusi dall'Asaps anche i dati sulla distribuzione geografica delle aggressioni: nel corso del 2014, gli episodi avvenuti al Nord sono stati 970 (42,8% del totale), quelli al Centro 556 (24,5%) mentre le aggressioni registrate al Sud sono state 740 (32,7%).
 

A compiere le aggressioni, secondo i dati dell'osservatorio, sempre più stranieri, con 947 casi nel solo 2014, per il 41,8% del totale: l'anno precedente erano stati 897, pari al 39,2% del totale, mentre nel 2012 si era toccata la punta record di 1.005 attacchi (43,9%). Tra tutti i casi registrati dall'Asaps, in un episodio su tre (743, il 32,8% del totale), gli aggressori avevano assunto alcol o droghe (in 231 casi sola assunzione di droghe), confermando la stabilità del fenomeno rispetto al 2013, nel quale si erano registrati 746 casi, di cui 219 legati a sostanze stupefacenti.

  

Si tratta, spiega il presidente dell'Asaps, Giordano Biserni, di un fenomeno caratterizzato dalla "totale indifferenza dell’o pinione pubblica e della stessa politica". Una posizione pericolosa e ingenua, prosegue: "Gli argini di contenimento della violenza, costituiti dalle forze di polizia sono sempre più deboli e corrosi. Del dilagare della violenza contro le divise sulla strada dovrebbero preoccuparsi per primi i cittadini, ancor più degli agenti e dei carabinieri, perché dopo l’argine ci sono loro come destinatari e vittime di una violenza sempre più tracotante e ormai di fatto impunita", conclude.

AdnKronos