Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

IL TRIBUNALE DI ROMA ANNULLA PROVVEDIMENTO DISCIPLINARE PER I FATTI DI CAPODANNO 2014/15.

IL TRIBUNALE DI ROMA ANNULLA PROVVEDIMENTO DISCIPLINARE PER I FATTI DI CAPODANNO 2014/15.

 

Il Giudice del Lavoro Nunziata ha revocato un provvedimento disciplinare emesso da Roma Capitale nei confronti di un agente di Polizia Locale, su istanza a procedere da parte dell'ex Comandante Clemente e del Vice Comandante Modafferi, nonostante l'infondatezza delle contestazioni mosse già contestate in sede disciplinare da parte dell'OSPOL/CSA.

L'avvocato dell'OSPOL, Lucia Camporeale, ha provato che l'istituto della pronta reperibilità  non può essere attuato contro legem, in mancanza di elementi sulla non prevedibilità dell'evento del capodanno che è fisso e ricorrente ogni anno, oltre alla tutela di legge per l'assistenza alle persone con handicap grave.

Il Giudice nel dispositivo della sentenza "dichiara l'illegittimità della sanzione con 12 giorni di sospensione dal servizio e dalla retribuzione per n. 12 giorni irrogata da Roma Capitale [a....] con determinazione dirigenziale e condanna Roma Capitale a restituirgli la somma complessiva detratta a titolo di retribuzione per il suddetto periodo di sospensione, oltre a accessori ai sensi degli artt. 429 cpc e 150 disp. att. cpc; ordina la cancellazione della suddetta sanzione dal proprio fascicolo personale..."

 

Ancora una volta si dimostra l'inconsistenza delle accuse mosse all'epoca dal Comando Generale, che aveva messo alla gogna tutti gli agenti con un'immagine devastante del Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale.

L'OSPOL plaude alla magistratura che con la sentenza attuale ristabilisce i diritti dei lavoratori di polizia nei loro servizi delicati e pericolosi molto spesso abbandonati nelle tutele dalla stessa amministrazione.

 

Roma, 01/10/2016                                                                                   L’UFFICIO STAMPA

leggi la sentenza