Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

C.C. Regione Lombardia n.299 del 3/11/2016
IndennitÓ di disagio alla Polizia Locale

Un sindaco ha chiesto un parere in merito alla compatibilità dell’indennità di disagio e di vigilanza e alla conseguente ripetibilità del credito agli appartenenti alla Polizia locale.

I magistrati contabili della Lombardia, con la deliberazione 299/2016, pubblicata sul sito della sezione regionale di controllo il 15 novembre, hanno ribadito che l’interpretazione delle norme contrattuali rientra nelle funzioni che il legislatore ha attribuito all’ARAN.

Sulla questione, la giurisprudenza di merito (Corte d’Appello di Milano, sentenza 365/2015; Tribunale di Rimini, sentenza del 1° marzo 2012, Tribunale di Verona, sentenza del 23 febbraio 2012, Tribunale di Varese sentenza del 10 dicembre 2013) è favorevole alla compatibilità delle due indennità.

In senso contrario si è espressa la Ragioneria Generale dello Stato secondo cui il personale dell’area della vigilanza è adeguatamente tutelato per la specificità delle prestazioni richieste e per l’impegno, la gravosità dei compiti e le responsabilità connesse, attraverso l’indennità di vigilanza.

QUESTO DIMENTICANDO CHE L’INDENNITA’ DI VIGILANZA E’ UNA INDENNITA’ DI FUNZIONE (relativa alle funzioni di polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza- vedi art.5 Legge 65/1986) E NON CERTO UNA INDENNITA’ CHE PUO' COMPENSARE IL DISAGIO.

Come evidenziato dai magistrati contabili, alla luce dei principi generali di attendibilità e prudenza che devono presidiare, fra gli altri, la formazione delle previsioni di bilancio, è non solo opportuno, bensì anche doveroso, allocare nei fondi per passività potenziali una somma, adeguatamente stimata dai competenti uffici, a garanzia dell’eventuale esborso che l’ente potrebbe sostenere all’esito della definizione dei rapporti creditori con gli appartenenti alla Polizia locale, inerenti il trattamento economico connesso con la ripetizione delle indennità di disagio e di vigilanza.

LEGGI LA DELIBERAZIONE