Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Direttiva ARAN per rinnovo contratti e posizione del Siapol/CSA

   Comparto delle Funzioni locali: Atto di indirizzo all’ARAN  

per il rinnovo contrattuale del personale dei livelli per il triennio 2016-2018 ___________________________________________________________________________________

 

I Comitati di Settore Autonomie locali e Regioni Sanità, assumono la presente direttiva finalizzata ad avviare le procedure per il rinnovo contrattuale del personale dei livelli per il triennio 2016-2018, con l’individuazione delle relative risorse, ai sensi dell’art. 47 del D.Lgs. n. 165/2001 e successive modificazioni.   

­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­_____omissis..

 

Punto 2.4

In materia di turnazione è necessario chiarire definitivamente che la prestazione lavorativa in turno svolta in un giornata festiva è una ordinaria giornata di lavoro.  Al personale turnista che ordinariamente in base al turno assegnato presta la propria attività lavorativa in una giornata festiva, non si applica la disciplina del riposo compensativo a recupero della festività lavorata o la corresponsione dello straordinario di cui all’art. 24 del CCNL del 14/09/2000.

 

______________________________________________________________________

Commento sindacale:

Dopo anni di lotte e cause a spese dei Lavoratori continua il tentativo di discriminazione dei lavoratori turnisti della Polizia Locale. Ancora una volta dobbiamo assistere al tentativo di penalizzare una categoria che viene già sfruttata da anni, che rende servizi alla cittadinanza non adeguatamente riconosciuti dalle Istituzioni e che continua a pagare a caro prezzo, anche con tributi di sangue coi propri caduti sul lavoro.

Ora, in assenza delle tutele previdenziali ed assistenziali che hanno da sempre le altre forze di polizia dello Stato, in assenza di adeguata preparazione professionale (delegata agli enti locali spesso privi di risorse finanziarie), di mezzi di autotutela, di accesso alle banche dati, costretti perfino a pagare per accedere al registro degli autoveicoli; ci vediamo anche proporre la teoria secondo la quale la misera indennità di turnazione dovrebbe compensare anche il lavoro prestato nelle festività!!!!!!.

Ebbene in questa sede non faremo una disamina della questione che il SIAPOL/CSA ha già trattato a fondo in parecchie occasioni,(tra l’altro vincendo tramite lo studio legale del sindacato la causa contro il comune di Rho presso la Corte d’Appello di Milano nel 2014) ma ci limiteremo a ricordare agli estensori della direttiva che:

- Esiste una Legge dello Stato ( Legge n.260/1949) che sancisce i principi relativi alle festività: ricordiamo che il contratto non può stabilire regole contrarie alle norme dettate dalla legge (Brunetta docet);

- Anche la Corte di Cassazione in recenti sentenze (n.22481/2016) ha riconosciuto la suesposta tesi ed inoltre ha evidenziato anche che il diritto al riposo nelle giornate festive è un diritto indisponibile per il datore di lavoro ed anche per le organizzazioni sindacali pertanto, recita la sentenza: “ne discende la nullità delle clausole dei contratti collettivi che prevedano l’obbligo dei dipendenti  di lavorare nei giorni di festività infrasettimanale in quanto incidenti sul diritto dei lavoratori”.

Alla luce di ciò quanto scritto nell’atto di indirizzo all’Aran relativamente al lavoro del personale turnista nelle festività appare frutto di una estrema superficialità (neppure si distingue tra festività infrasettimanali e domenicali!!!!!) oppure di semplice ignoranza della normativa? Inoltre, qualora una tale direttiva venisse accolta, genererebbe la solita confusione ed altre azioni legali inutili e dispendiose.

Il CSA si batterà affinchè questo obbrobrio venga cancellato in toto anzi si batterà per una regolamentazione delle festività chiara e consona alla normativa.

Leggi il comunicato CSA

Leggi l’atto di indirizzo Aran