Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Min.Interno n.03-1998
Legge n. 191/98 recante: “Modifiche e integrazioni alle leggi n. 59 e n. 127 del 1997, nonché norme in materia di formazione del personale dipendente e di lavoro a distanza nelle pubbliche amministrazioni




MINISTERO DELL'INTERNO
- Circolare 22 giugno 1998, n. 3/1998 –
- Legge n. 191/98 recante: “Modifiche e integrazioni alle leggi n. 59 e n. 127 del 1997, nonché norme in materia di formazione del personale dipendente e di lavoro a distanza nelle pubbliche amministrazioni” (in G.U.R.I., parte I, Serie generale 8 luglio 1998 n. 157).
-
La legge n. 127/1997 ha stabilito che “nei comuni privi di personale di qualifica dirigenziale le funzioni di cui al comma 3 sono svolte dai responsabili degli uffici o dei servizi” (art. 6, comma 3-bis).
Ora, per contribuire a risolvere le difficoltà sorte in alcuni enti privi di personale con qualifica dirigenziale, si è previsto che “le funzioni di cui al comma 3, fatta salva l'applicazione del comma 68 lett. c) dell'art. 17 della legge 15 maggio 1997, n. 127, possono essere attribuite a seguito di provvedimento motivato del sindaco, ai responsabili degli uffici e dei servizi indipendentemente dalla loro qualifica funzionale anche in deroga ad ogni diversa disposizione” (art. 2, comma 13 della legge n. 191 del 16 giugno 1998, che inserisce un comma 3-bis all'art. 51 della legge n. 142/1990).
La norma prevede inoltre che, in attesa di apposita definizione contrattuale, nei precitati comuni possano essere assegnate indennità di funzione, localmente determinate, ai responsabili degli uffici e dei servizi, nell'ambito delle complessive disponibilità di bilancio dei comuni.
Si precisa, d'intesa con la Presidenza dei Consiglio dei Ministri - Dipartimento per la funzione pubblica, che tale disposizione (art. 2, comma 13, della legge n. 191 del 16 giugno 1998) non introduce alcuna deroga al principio di separazione affermato dalla legge n. 127/1997 e ribadito dal decreto legislativo n. 29/1993, modificato dal decreto legislativo n. 80/1998, anzi conferma la distinzione tra funzioni di indirizzo politico amministrativo e funzioni di gestione, stabilendo l'inderogabilità regolamentare delle attribuzioni gestionali ai dirigenti.
In tale ambito si colloca anche l'art. 45 comma 1 del decreto legislativo n. 80/1998, il quale esplicitamente prevede che a decorrere dalla data di entrata in vigore dello stesso decreto legislativo le previgenti disposizioni che conferiscono agli organi di governo l'adozione di atti di gestione, nonché gli altri provvedimenti amministrativi di cui all'art. 3, comma 2 del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, si intendono nel senso che la relativa competenza spetta ai dirigenti.
Le nuove disposizioni della legge n. 191/1998 non introducono dunque alcuna novità né alcuna differenziazione per comuni di esigue dimensioni demografiche rispetto all'assetto organizzativo già delineato con la sopracitata legge n. 127/1997.
Si conferma, pertanto, l'esclusione di atti gestionali da parte degli organi di governo dell'ente (sindaco o singoli assessori), introducendosi come unica innovazione una maggiore libertà di scelta dei responsabili degli uffici e dei servizi.
I medesimi possono essere individuati in relazione ai criteri di professionalità posseduta dagli stessi, senza alcun vincolo di inquadramento in una determinata qualifica, anche in deroga a previgenti disposizioni in tal senso.
Quanto sopra in rapporto al disposto dell'art. 6, comma 7 della legge n. 127/1997 che ha introdotto il principio dell'affidamento degli incarichi sulla base di prefissati “criteri di competenza professionale”.
Resta confermata la facoltà per le amministrazioni locali di attribuire al segretario comunale, con atto del sindaco, funzioni di gestione (art. 17, comma 68, lettera c) della legge n. 127/1997). Si precisa che la formulazione della norma consente di attribuire, nel rispetto della propria autonomia organizzativa e regolamentare, anche singole competenze di specifiche strutture, nel rispetto del principio dell'attribuzione di funzioni omogenee in modo da identificare un unico centro di riferimento e di responsabilità, senza alcuna duplicazione.
In conclusione, il principio di separazione tra funzione dì governo e di gestione costituisce l'unico limite al potere di autorganizzazione degli enti, potere notevolmente ampliato dopo legge n. 127/1997.
Si prega di portare quanto sopra a conoscenza degli enti locali interessati, fornendo un cortese cenno di assicurazione.
p. Il Ministro: VIGNERI
* * *