Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Sentenza n. 4002 del 03/07/2003
Atto amministrativo - Diritto di accesso - Accesso ai dati sensibili

Atto amministrativo - Diritto di accesso - Accesso ai dati sensibili - Limiti ex art. 16, 2° comma, del D.L.vo n. 135/1999 - Valutazione dell’interesse alla riservatezza - Va compiuta in concreto - Fattispecie.

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V - Sentenza 3 luglio 2003 n. 4002
Pres. ff. Allegretta, Est. Cerreto - **** (Avv.ti G. Mangia e A. Marsilio) c. Comune di Martinsicuro (n.c.) e **** (n.c.) - (conferma T.A.R. Abruzzo - L’Aquila, 3 ottobre 2001, n. 582).

L’art. 16, 2° comma, del D.L.vo 11 maggio 1999 n. 135 (secondo il quale l’accesso ai dati idonei a rivelare lo stato di salute o la vita sessuale è consentito se il diritto da far valere o difendere è di rango almeno pari a quello dell’interessato), non risolve in astratto il conflitto tra l’interesse del terzo a conseguire l’accesso e quello alla riservatezza dell’interessato, ma consente all’Amministrazione che detiene i dati sensibili - e, in mancanza, al Giudice amministrativo - di valutare in concreto ciascuna fattispecie, al fine di stabilire se l’accesso sia necessario o meno per far valere o difendere un diritto almeno pari a quello dell’interessato (nella specie è stato ritenuto legittimo il silenzio-rigetto formatosi su di una istanza con la quale la appellante aveva chiesto di accedere all’esito della visita medica di leva del marito che intendeva produrre in un procedimento per la nullità del matrimonio per incapacità del marito stesso ad assumersi gli obblighi matrimoniali essenziali per cause di natura psichica; ha osservato la Sez. V del CdS che nella specie non vi era motivo per rivelare dati riservati, atteso che il marito aveva dichiarato al Tribunale ecclesiastico, innanzi al quale pendeva detto procedimento, di essere favorevole alla declaratoria di nullità del matrimonio).

FATTO e DIRITTO

1. Con l’appello in epigrafe, l’interessata ha fatto presente che in data 13.1.2001 aveva presentato istanza presso il Tribunale ecclesiastico regionale di Chieti per la dichiarazione di nullità del matrimonio contratto nel 1994 con ****, per incapacità di costui ad assumersi gli obblighi matrimoniali essenziali per cause di natura psichica; che con decreto di accettazione del 5.3.2001 la causa era stata iscritta a ruolo; che con comunicazione del 2.4.2001 il convenuto dichiarava di essere favorevole alla richiesta di nullità matrimoniale; che nella sessione del 6.4.2001 veniva dichiarata aperta la fase istruttoria; che intanto con raccomandata del 28.2.2001 l’istante richiedeva all’Ufficio leva del comune di Martinsicuro, ai sensi dell’art. 22 L. n. 241/1990, copia dell’esito di leva del sig. ****, comprensivo dell’articolo di riforma, al fine della propria tutela giudiziaria e per ragioni istruttorie nell’ambito del procedimento per la nullità del matrimonio; che l’istanza di accesso non aveva seguito nel termine prescritto, per cui adiva il TAR Abruzzo, che respingeva il ricorso con la sentenza in epigrafe.

Ha dedotto che la sentenza appellata era erronea ed ingiusta per le seguenti ragioni:

- il TAR aveva ritenuto prevalente il diritto alla riservatezza dei dati relativi alla salute della persona senza valutare adeguatamente in merito alla fattispecie concreta l’interesse contrapposto all’ostensione, come del resto recentemente ritenuto dalla sez. VI del Consiglio di Stato con decisione n. 1882 del 30.3.2001 in considerazione di quanto disposto dall’art. 16 D. L.vo 11.5.199 n. 135;

- nella specie doveva ritenersi prevalente rispetto al diritto alla privacy l’interesse dell’istante ad essere libera, per cui impedirle di dimostrare in sede ecclesiastica la nullità del precedente matrimonio veniva a costituire una lesione del diritto all’accertamento del proprio stato di nubile;

- il processo ecclesiatico comunque assicurava la segretezza della documentazione esibita;

- d’altra parte il Tribunale ecclesiastico non avrebbe potuto chiedere la documentazione in questione;

- inoltre il processo ecclesiastico si basava sulla documentazione delle parti

- irrilevante era poi la circostanza che il convenuto si fosse dichiarato disponibile alla nullità del matrimonio, non solo in quanto non si era costituito nel relativo giudizio ma neppure, pur volendo, avrebbe potuto esibire direttamente la documentazione in questione, in quanto il foglio di congedo rilasciato all’interessato non riportava la specifica causa di inidoneità ai sensi della L. 22.11.1997 n. 890.

Ha concluso chiedendo l’accertamento del diritto ad accedere ed estrarre copia dell’esito di leva, comprensivo della motivazione di riforma, del sig. ****.

Alla pubblica udienza dell’8.4.2003, il ricorso è stato trattenuto in decisione.

2. Il problema che si pone è quello del rapporto tra diritto di accesso ai documenti detenuti da una Pubblica amministrazione ed il diritto alla riservatezza, trattandosi nella specie di notizie relative alla salute di un terzo.
Invero, l’oggetto dell’accesso è costituito dall’esito di leva del sig. ****, comprensivo dell’articolo di riforma, al fine della tutela giudiziaria e per ragioni istruttorie nell’ambito del procedimento per la nullità del matrimonio pendente presso il Tribunale ecclesiastico regionale di Chieti, adito dalla sig.ra **** per incapacità del coniuge ad assumersi gli obblighi matrimoniali essenziali per cause di natura psichica.

Trattasi cioè di dati particolarmente sensibili, per i quali l’art. 22 L. 31.12.1996 n. 675 prescrive perfino il consenso scritto del titolare e, se trattati da Enti pubblici, ne subordina l’ostensibilità ad un’espressa previsione legislativa.

E’ intervenuto poi in materia l’art. 16 D. L.vo 11.5.199 n. 135, il quale ha espressamente statuito, per quanto interessa, che quando il trattamento concerne dati idonei a rivelare lo stato di salute o la vita sessuale, il trattamento è consentito se il diritto da far valere o difendere è di rango almeno pari a quello dell’interessato.

Con la conseguenza che il menzionato art. 16 non risolve in astratto il conflitto tra l’interesse del terzo a conseguire l’accesso e quello alla riservatezza dell’interessato, ma consente all’Amministrazione che detiene i dati sensibili, ed in sostituzione al giudice amministrativo, di valutare in concreto ciascuna fattispecie al fine di stabilire se l’accesso sia necessario o meno per far valere o difendere un diritto almeno pari a quello dell’interessato (v. le decisioni di questo Consiglio, sez. VI, n. 1882 del 30.3.2001 e n. 2542 del del 9.5.2002).

3. Tale valutazione è stata sostanzialmente effettuata dal TAR, il quale ha tra l’altro evidenziato che nella specie non appariva ben chiara l’esigenza di difesa prospettata dall’istante in quanto il coniuge aveva dichiarato al Tribunale ecclesiastico di essere favorevole alla declaratoria di nullità del matrimonio.

La conclusione del TAR deve essere condivisa in quanto nella dichiarazione del coniuge deve ritenersi implicitamente ammessa anche la ragione per la quale viene richiesta la nullità del matrimonio, salvo gli accertamenti del caso.

Né vale obiettare da parte dell’appellante che trattandosi di esito della visita di leva neppure il coniuge potrebbe essere a conoscenza della specifica causa di inidoneità, atteso che la L. 22.11.1997 n. 890 consente espressamente al diretto interessato di richiedere la comunicazione di tali ulteriori elementi.

Per cui non vi è motivo nella fattispecie per rivelare dati riservati.

4. Per quanto considerato l’appello deve essere respinto.

Non occorre pronunciarsi sulle spese del presente grado di giudizio in quanto le parti intimate non si sono costituite.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta, respinge l’appello indicato in epigrafe.

Nulla spese.

Ordina che la presente decisione sia eseguita dall’autorità amministrativa.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio del giorno 8.4.2003 con l’intervento dei Signori:
Corrado Allegretta Presidente F.F.
Goffredo Zaccardi Consigliere
Aldo Fera Consigliere
Aniello Cerreto Consigliere Est.
Claudio Marchitiello Consigliere

L'ESTENSORE Il PRESIDENTE F.F.
f.to Aniello Cerreto f.to Corrado Alegretta
Depositata in segreteria il 3 luglio 2003.