Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Giudice di Pace di Palermo - Ordinanza del 22/09/2003
Cauzione, sanzioni e cittadino non abbiente: nuova questione alla Consulta

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE

PALERMO

n. 9891/03 Reg .Gen. Aff. Civ.

Il Giudice di Pace di Palermo
dr. Francesco Catania

Con atto del 12 settembre 2003 - D.C.- proponeva personalmente ricorso a questo Giudice avverso il verbale di accertamento - datato 7 / 9 / 2003- con il quale la Sezione Polizia Stradale di Palermo gli aveva contestato la violazione di alcune norme previste dal Codice della Strada.

Documentava la sua totale indigenza, perché disoccupato; padre di una numerosa famiglia ( 5 figli ) e con il coniuge riconosciuto “ portatore di handicap grave,essendo totalmente cieco “.

Dichiarava, pertanto, di essere nella impossibilità di effettuare il deposito giudiziario di cui all’art. 204 bis, per un importo pari a quasi mille euro, anche perché spesso non ha i mezzi per comprare il pane per tutta la sua famiglia.

La cancelleria di questo Ufficio annotava l’ omesso deposito del libretto giudiziario, portante la cauzione dovuta, e, giusta quanto deciso dalla Corte Costituzionale -con sentenza 19 gennaio 1993, n. 8 - rimetteva il fascicolo alle decisioni di questo giudice.

La nuova normativa introdotta dalla legge 214/2003- in vigore dal 13 agosto u.s. - all’ art. 204,bis, 3 comma - prevede che :

“ All’atto del deposito del ricorso, il ricorrente deve versare presso la cancelleria del giudice di pace, a pena di inammissibilità del ricorso, una somma pari alla metà del massimo edittale della sanzione inflitta dallo organo accertatore. Detta somma, in caso di accoglimento del ricorso,è restituita al ricorrente “

Pertanto, questo giudice, pur avendo fissato la data per la comparizione delle parti, preliminarmente , dovrebbe dichiarare inammissibile il ricorso “ de quo “.

Però la disposizione sopra richiamata, comparata con le numerose pronuncie della Corte Costituzionale, evidenzia una palese violazione degli artt. 3 e 24 della nostra Carta Costituzionale.

Una violazione che ci riporta al famoso principio del “ solve et repete “, già cancellato dal nostro ordinamento giuridico con sentenza del Giudice delle Leggi n. 21 del lontano anno 1961.

Invero l’ obbligo di versare anticipatamente, mediante deposito di una cauzione, metà della sanzione prevista, contrasta con il principio di eguaglianza perché favorisce il cittadino in grado di versare immediatamente la cauzione ( dovere al quale è tenuto dalla disposizione citata) e penalizza il cittadino che, come nel caso in esame , ha problemi di sopravvivenza per sé e per la sua famiglia.

E queste considerazioni sono tali da giustificare la censura anche ex art. 24 Cost., posto che tale norma- come la Corte Costituzionale ha riconosciuto- (con la citata sentenza n. 21 del 1961 che ha dichiarato l’ incostituzionalità del principio del solve et repete “ ) lede o limita il diritto di agire in giudizio, diritto che è garantito a tutti allo scopo di assicurare l’ uguaglianza di fatto dei cittadini in ordine alla possibilità di ottenere tutela giurisdizionale.

Il fondamentale diritto alla difesa , infatti, non può essere condizionato al pagamento di una cauzione.

Così come ha riconosciuto lo stesso Giudice delle Leggi con la sentenza n. 8 del 1993- nel punto in cui ha ritenuto che, non essendo il mancato od omesso versamento di una imposta di bollo ostativo alla produzione in giudizio di documenti e di difese scritte - parimenti non può essere precluso o pregiudicato il diritto di agire in giudizio-riconosciuto dall’art. 24 Cost.- dal deposito di una cauzione.

Né sono convincenti al riguardo le osservazioni fatte dalla Presidenza del Consiglio- tramite l’ Avvocatura dello Stato - quando afferma che la Costituzione non vieta di imporre prestazioni fiscali ( o cauzioni ) in stretta e razionale correlazione con il processo, sia che configurino vere e proprie tasse giudiziarie, sia che abbiano riguardo all’ uso di documenti necessari alla pronuncia del giudice.

Su tali problematiche la Corte,infatti ha già espresso il proprio parere con le sentenze n. 7 del 1999, 45 del 1963 e 157 del 1969.

D’ altro canto, nel caso in esame, il legislatore non ha previsto deroghe al principio espresso nella norma, così come previsto dall’art. 66,comma 1 del D.P.R. n.131 del 1986.

Nella norma sopra citata,infatti, così come ha evidenziato la Corte Costituzionale -con sentenza del 6 dicembre 2002, n. 522- il legislatore ha “ consentito in alcuni casi di evitare il pagamento dell’ imposta di registro”, come nell’ ipotesi, prevista dall’art. 59,comma 1, del D.P.R. - di registrazione a debito delle sentenze emesse nei confronti di soggetti ammessi al gratuito patrocinio.

In questi casi, il legislatore, nell’esercizio della sua discrezionalità, ha individuato delle specie di interesse nelle quali l’ interesse alla riscossione ( o delle cauzioni ) non può prevalere di fronte a situazioni particolari, in cui,rispettivamente, la situazione di indigenza del soggetto sia tale per cui il pagamento del tributo ( o della cauzione ) si rivelerebbe un ostacolo insormontabile all’esercizio dell’azione, finalizzato a contrastare una presunta illegittima azione sanzionatoria.

Altre deroghe, “ però al solo rilascio di copia autentica della sentenza previo pagamento dell’ imposta “ sono contenute, inoltre, nello stesso art. 2 dell’art. 66.

“ Al di fuori dei casi previsti, l’ interesse alla riscossione, dovrebbe, invece, prevalere, e del resto, non potrebbe ammettersi che la Corte possa introdurne altri.

La lesione dell’ art. 3 Cost., sotto il profilo della disparità di trattamento - ha sancito ancora il Giudice delle Leggi - sentenza n.522/2002 - sarebbe insussistente, essendosene il legislatore fatto carico con la disciplina del gratuito patrocinio “.

Ma nel caso in esame detta disciplina è manifestamente non applicabile perché non prevista dal legislatore e, pertanto, il principio della disparità di trattamento diventa di solare evidenza.

L’ onere di versare la cauzione prevista dall’art. 204 bis del nuovo C.d.S. resta estraneo al giudizio in se stesso, poiché, al massimo, l’ unico onere fiscale razionalmente collegato al giudizio da promuovere sarebbe quello relativo al pagamento del c.d. contributo unificato per le spese degli atti giudiziari, di cui all’art. 9 della legge 23 dicembre 1999, n. 488 .

La “ cauzione “ per accedere ad un servizio primario,come quello della giustizia, non è nei principi della nostra Costituzione.

La norma che la prevede, infatti, viola, a giudizio di questo rimettente, l’art. 3 della nostra Carta Fondamentale per disparità di trattamento fra cittadino in grado di pagare immediatamente la cauzione dovuta per ottenere una decisione giurisdizionale e quello privo dei mezzi necessari per tale pagamento ( al quale, invece, l’ onere di versare somme eventualmente ingenti,come nel caso in esame, rende la proposizione del ricorso “ inammissibile “

La stessa disposizione viola altresì l’art. 24 della Costituzione, in quanto il diritto di agire in giudizio non può essere condizionato al pagamento di una “ cauzione “.

Ed il Giudice delle Leggi ha più volte affermato -( vedi sentenze n.522/2002 - n. 45/93 - n. 80/66 - ecc. ) che occorre distinguere fra “ oneri “ che siano razionalmente collegati alla pretesa dedotta in giudizio allo scopo di assicurare al processo uno svolgimento meglio conforme alla sua funzione “ da ritenersi consentiti, e “ oneri “ che invece tendano “ alla soddisfazione di interessi del tutto estranei alle finalità predette, e, conducendo al risultato di prcludere o ostacolare gravemente l’ esperimento della tutela giurisdizionale , incorrono nella sanzione della incostituzionalità.

Ed ha altresì più volte deciso che “ condizionare l’esercizio del diritto del cittadino alla tutela giurisdizionale, all’adempimento del suo dovere di contribuente non contrasta con la Costituzione, salvo il caso dell’azione giudiziaria diretta a contestare la legittimità del tributo ( o della sanzione) (seentenze n. 157 del 1969 e n. 111 del 1971 )

Ora considerando questo tipo di bilanciamento fra i due interessi alla luce del principio secondo cui la garanzia della tutela giurisdizionale posta dallo art.24 Cost.,comprende anche la fase impositiva e quello di cui alla disposizione di cui all’art. 204 bis del C.d.S., appare evidente come la scelta compiuta con la norma impugnata sia irragionevole e si risolva anche in lesione dell’ art. 24 della Costiuzione.

P.Q.M.

Visti gli artt. 134 Cost. e 23 Legge 11 marzo 1953,n.87 ;

solleva d’ ufficio questione di legittimità costituzionale, in relazione agli artt. 3 e 24 della Costituzione , dell’art. 204 bis, 3 comma della legge 214/2003, nella parte in cui impone l’obbligo di versare in cancelleria , a pena di inammissibilità, una somma pari alla metà del massimo edittale della sanzione inflitta dall’ organo accertatore .

Sospende il giudizio e dispone l’ immediata trasmissione degli atti alla Corte Costituzionale.

Manda alla cancelleria di notificare la presente ordinanza alle parti in causa ed al Presidente del Consiglio dei Ministri e di darne comunicazione ai Presidenti della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica.

Così deciso in Palermo, oggi 22 settembre 2003

Il Giudice di Pace
(dr. Francesco Catania)