Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Decisione n. 8143 del 10/12/2003
Giurisdizione del Giudice Amministrativo in materia di concorsi pubblici

N. 8143/03REG.DEC.

               

 

                       REPUBBLICA ITALIANA        

                    IN NOME DEL POPOLO ITALIANO               

Il  Consiglio  di  Stato  in  sede  giurisdizionale   Quinta  Sezione      

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

Visto l'appello n. 7041/2003 proposto dai signori, ****, rappresentati e difesi dagli avv.ti ****, con domicilio eletto in Roma, ****;

contro

il Comune di Padova, non costituitosi;

e nei confronti di

****, non costituitosi;

per l’annullamento

della sentenza del Tar Veneto – Venezia: Sezione II del 2.7.2003 n. 3607, resa tra le parti, concernente ANNUL. PARZ. SELEZIONE   INTERNA PER TITOLI ED ESAMI PER POSTI DA  ISPETTORE  DI  PM;

Visti gli atti e documenti depositati con l'appello;

Udito il relatore Cons. Claudio Marchitiello  e udito,  altresì, per la   parte, l’avv. ****;

 Rilevato, ai sensi dell’art. 26 della legge 6.12.1971, n. 1034, così come integrato dall’art. 9 della legge 21.7.2000, n. 205, la completezza del contraddittorio processuale e ritenuto, quindi, di potere decidere l’appello in forma semplificata.

Considerato che l’appello si rileva fondato, in quanto la controversia in epigrafe rientra nella giurisdizione del giudice amministrativo così come affermato dalla più recente giurisprudenza della Corte di Cassazione (SS.UU. 1510 del 2003, n. 15403).

Ritenuto, pertanto, che la sentenza appellata debba essere annullata con rinvio al T.A.R. del Veneto per il proseguo;

 

P.Q.M.

 

        Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale annulla la sentenza del 2 luglio 2003, n. 3607, e rinvia gli atti al T.A.R. del Veneto, per il proseguo.

Spese al definitivo.

Ordina che la Pubblica Amministrazione dia esecuzione alla presente decisione.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio del 9 dicembre 2003, con la partecipazione dei signori;

 

Pres. Alfonso Quaranta

Cons. Corrado Allegretta 

Cons. Goffredo Zaccardi  

Cons. Claudio Marchitiello Est.

Cons. Marzio Branca

 

L'ESTENSORE                                IL PRESIDENTE

F.to Claudio Marchitiello          F.to Alfonso Quaranta

IL SEGRETARIO

F.to Francesco Cutrupi

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 10 Dicembre 2003

(Art. 55, L. 27/4/1982, n. 186)

 

IL  DIRIGENTE

F.to Livia Patroni Griffi