Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Grande adesione al CONVEGNO NAZIONALE di MILANO

Grande adesione al Convegno di Milano vertente sulla riforma delle Polizie Locali tra innovazione e devolution, organizzato dall’ANPOL e dal MOVIMENTO dei Sindacati di categoria OSPOL, SIAPOL, SILPOL/FIADEL, SUPM.

La manifestazione ha visto la partecipazione di numerosi appartenenti alla Polizia Locale di tutta Italia tra i quali anche molti Comandanti e Responsabili del Servizio.

Hanno portato personalmente i loro saluti gli Assessori alla Sicurezza ed al Commercio del Comune di Milano dott. Guido Manca e dott. Roberto Predolin ed il Comandante Interinale di Milano dott. Emiliano Bezzon.

ll Presidente della Regione Lombardia dott. Roberto Formigoni ha fatto pervenire un messaggio molto significativo e gradito dalla platea.

La relazione del prof. Nicola Coco ha evidenziato gli aspetti del concetto di “interesse nazionale” nell’ambito della devoluzione, relativamente alla modifica della legge sulla polizia locale.

Dalle relazioni degli Assessori alla Sicurezza della Lombardia e del Lazio è nato un costruttivo confronto che intensificherà i contatti tra le due regioni  in merito agli aspetti che riguardano le leggi di loro competenza ed il loro futuro sviluppo alla luce dell’approvazione di una nuova legge nazionale, nell’ottica della modifica dell’art.117 della Costituzione.

L’on. Paolo Ricciotti, primo firmatario della proposta n°.3434 di modifica della ormai obsoleta  legge quadro n. 65/86, ha affermato che il Governo è intenzionato a modificare quest’ultima normativa e che, conseguentemente, entro il mese di marzo p.v. la sua proposta sarà esaminata in Commissione Affari Costituzionali della Camera per poi approdare al Parlamento per la sua definitiva approvazione.

I Segretari Nazionali delle OO.SS. promotrici del convegno, aderenti al Movimento per la Riforma, hanno ribadito le impellenti richieste della Categoria ed hanno manifestato il profondo stato di disagio che essa sta vivendo.

Nonostante le rassicurazioni, appare evidente che da ormai troppo tempo la compagine governativa che pur ha promesso in fase elettorale di metter mano alla riforma, colpevolmente, sta ritardando oltremodo gli impegni assunti. Non ultima, ciliegina sulla torta, la dichiarazione del Vice Premier Gianfranco Fini il quale ha affermato che la delega alle regioni deve riguardare solamente la “polizia amministrativa locale”. L’aggiunta del termine “amministrativa”, peraltro già adottato dal precedente Governo di sinistra e poi modificata nella proposta di riscrittura dell’art.117 della Costituzione dall’attuale maggioranza, stravolgerebbe di nuovo la norma modificando in peggio le attuali funzioni della Polizia Locale.

La Categoria non è più disposta ad accettare ulteriori incertezze da parte del Governo o, ancor peggio, posizioni che riporterebbero tutta la Polizia Locale indietro di 40 anni.

I rappresentanti delle OO.SS. di Categoria hanno ribadito che, qualora non si avviasse da subito il processo di riforma, saranno attuate forme di lotta sindacale che sono già allo studio, su tutto il territorio nazionale, compresa una grande manifestazione a Roma.

da: "Il Giornale" del 17/1/2004

 

 

 

 

 

 

 

Il Comandante Interinale di Milano dott. Emiliano Bezzon (agenzia Fotogramma)

 

 

 

 

 

L'Assessore alla Sicurezza del Comune di Milano dott. Guido Manca (agenzia Fotogramma)

 

 

 

 

 

L'assessore al Commercio di Milano dott. Roberto Predolin

 

 

 

 

 

L'Assessore alla Sicurezza, Polizia Locale e Protezione Civile della Regione Lombardia Dott. Massimo Buscemi

Alla sua destra l'Assessore alla Sicurezza della Regione Lazio On.le Donato Robilotta

 

 

 

 

 

L'On.le Paolo Ricciotti