Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Giudice di Pace di Milano - Sentenza del 14/01/2004
Violazioni al C.d.S.: non occorre versare la cauzione se nel verbale non è indicata la sanzione

N. RG 52021/03

 

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI MILANO

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO



Il Giudice di Pace di Milano, dr. Piscitello Mario, Sez. VII Civile, all’udienza del 14 gennaio 2004 ha pronunziato la seguente

SENTENZA



nella causa promossa da .........., residente in Milano, via..............,n...... , (opponente) contro COMUNE DI MILANO, in persona del Sindaco pro-tempore, rappresentato e difeso da funzionari delegati del Corpo di Polizia municipale – Settore Affari Generali.

(opposta)

Oggetto: opposizione a un processo verbale di contestazione di infrazione al Codice della Strada (D.L. vo n. 285/92) per violazione della disposizione di cui all’art. 146, comma 3, (proseguiva la marcia con il semaforo rosso). In Milano, in data 18 settembre 2003, p.v. n. **** Autovettura tg ****.


SVOLGIMENTO DEL PROCESSO


.......................................in data 19 settembre 2003 proponeva opposizione contro un processo verbale di infrazione al Codice della Strada, con il quale gli veniva contestata un’infrazione (proseguiva la marcia nonostante il semaforo rosso) commessa in data 18 settembre 2003 in Milano, viale ****.

Il ricorrente chiedeva l’annullamento dell’atto impugnato, affermando di aver attraversato l’incrocio con il semaforo verde e che, soltanto durante l’attraversamento, sarebbe scattato il giallo. All’atto del deposito del ricorso presso la Cancelleria l’opponente versava per “cauzione” la somma di € 137,55.

Il Comune di Milano, Corpo di Polizia Municipale, si costituiva in giudizio depositando in Cancelleria in data 10 gennaio 2004 una comparsa con la quale chiedeva il rigetto del ricorso. L’Amministrazione affermava che “le argomentazioni addotte dalla ricorrente, oltre a non essere provate in alcun modo dalla stessa, risultano essere in contrasto con quanto accertato dall’agente operante e le dichiarazioni ed i fatti che gli stessi attestano avvenuti in loro presenza o da loro compiuti godono di fede privilegiata.”

All’udienza del 14 gennaio 2004 interveniva soltanto il ricorrente, il quale insisteva nella sua domanda. Nessuno interveniva per l’Amministrazione opposta.


MOTIVI DELLA DECISIONE


L’opposizione deve ritenersi ammissibile.

La sanzione pecuniaria prevista per l’infrazione contestata (art. 146, comma 3, del CdS) va da € 137,55 ad € 550,20 e quindi, secondo un’interpretazione diffusa, ma di dubbia legittimità costituzionale, il ricorrente avrebbe dovuto versare, all’atto del deposito del ricorso, a pena di inammissibilità dello stesso, una somma pari alla metà del massimo edittale e non soltanto € 137,55 (pari al minimo edittale).

La disposizione di cui all’art. 204-bis, comma 3, del Codice della strada (nel testo introdotto con la L. 1 agosto 2003, n. 214), a parere di questo giudice, non può trovare applicazione nel caso di specie perchè la citata disposizione impone al ricorrente di versare presso la Cancelleria del giudice di pace “una somma pari alla metà del massimo edittale della sanzione inflitta dall’organo accertatore”.

Con il processo verbale di contestazione, oggetto di opposizione, però, è stata contestata soltanto una violazione del Codice della strada, ma non è stata “inflitta” alcuna sanzione, che, peraltro, e pacificamente, l’Organo accertatore non avrebbe avuto e non ha il potere di infliggere.

Pertanto, l’opponente, nella fattispecie oggetto d’esame, non aveva l’onere del deposito della “cauzione”.

Questa tesi interpretativa è suffragata dal comportamento processuale dell’Amministrazione opposta, la quale si è costituita, ma non ha eccepito in alcun modo l’inammissibilità del ricorso per irregolare o insufficiente deposito della “cauzione”.

L’opposizione può essere accolta. Non sussistono, infatti, prove sufficienti della responsabilità dell’opponente.

L’opponente ha negato di aver attraversato il semaforo con il segnale rosso e l’Amministrazio- ne opposta non ha fornito alcun elemento probatorio, affermando soltanto che le dichiarazioni ed i fatti che i pubblici ufficiali attestano avvenuti in loro presenza o da loro compiuti godono di fede privilegiata.

Stabilisce l’art. 2700 c.c. che “L’atto pubblico fa piena prova, fino a querela di falso, della provenienza del documento dal pubblico ufficiale che lo ha formato ...e degli altri fatti che il pubblico ufficiale attesta avvenuti in sua presenza...”. Quindi, in base alla citata disposizione, perchè l’atto pubblico possa godere di fede privilegiata, fino a querela di falso, il pubblico ufficiale deve attestare espressamente che i “fatti” accertati sono avvenuti in sua presenza. In assenza dell’anzidetta attestazione, richiesta espressamente dalla legge, l’atto pubblico non fa piena prova e spetta all’Amministrazione opposta l’onere di provare i fatti “accertati” a sostegno del processo verbale.

Al processo verbale oggetto di impugnazione non può essere riconosciuta fede probatoria privilegiata in quanto il pubblico ufficiale “ha accertato che il sig. ......................................... ha commesso le seguenti infrazioni agli articoli...”, ma non ha attestato che i fatti costitutivi delle infrazioni sono avvenuti in sua presenza.

Il giudice, in base al disposto di cui all’art. 23, penultimo comma, della L. n. 689/81, deve accogliere l’opposizione non avendo l’Amministrazione adempiuto all’onere di provare il “fatto” oggetto del processo verbale. “Il giudice accoglie l’opposizione quando non vi sono prove sufficienti della responsabilità dell’opponente”.

P.Q.M.

Il Giudice di Pace di Milano, definitivamente pronunziando, accoglie totalmente il ricorso proposto da ............................. contro il Comune di Milano C.P.M. (verbale n. ****)

ORDINA

all’Ufficio postale di Milano di restituire al ricorrente la somma depositata sul libretto di deposito giudiziario/libretto nominativo con vincolo cauzionale n. **** rilasciato il 19/09/2003 a favore di .....................n. il 05/08/1935 a.....................

Milano, 14 gennaio 2004

Il Giudice di Pace, Mario Piscitello